Translate

domenica 10 agosto 2014

Chi era Igor Stravinskij (1882-1971)

Igor Stravinskij in un ritratto di Picasso
Igor Stravinskij è nato nei pressi di Pietroburgo nel 1882. Suo papà era un famoso cantante, primo basso al Teatro Marijinskij. Non è stato un bambino prodigio.... (c'è speranza per tutti!...). Inizia a studiare pianoforte a 9 anni e prosegue con ritmo regolare, ma occupandosi anche di altro (studia legge all'università). E' dai 23 anni che inizia a dedicarsi prevalentemente alla musica e sapete perchè? Perchè diventa mico e allievo di composizione di una nostra conoscenza: Nicolaj Rimskij-Korsakov, sì proprio lui! Il nostro amico del Calabrone (se non ti dice niente questo nome, vai immediatamente a leggerti tutti i Post a lui dedicati!). Rimskij-Korskov è come il prezzemolo! Vedrete che le ritroveremo spesso... anche nel nostro prossimo viaggio musicale!

Studia con Rimskij-Korsakov fino alla morte di lui (1908) e gli dedica anche un'opera: Canto funebre per la morte di Rimskij-Korsakov... che però lui non ha mai avuto il piacere di sentire immagino...

A differenza di Brahms, Stravinskij era piuttosto minuto e magro e aveva sempre paura di prendersi un raffreddore o qualche altra malattia, per cui girava sempre con un cappello (che nascondeva anche la sua crapa pelata!) e una sciarpa. A volte con il cappello andava anche a dormire!

Aveva la mania dell'ordine: gli piaceva avere tutto sotto controllo. Impilava ogni cosa e ogni cosa aveva un suo posto e guai a spostarla. Il suo luogo prediletto era la sua stanza-studio perfettamente insonorizzata per non essere udito da nessuno (e, aggiungo io, per non sentire nessuno). 

Aveva una debolezza non tanto nobile: i soldi. Era così spilorcio che staccava i francobolli dalle buste non timbrate per riutilizzarli... ricopiava da solo la sua musica piuttosto che pagare qualcuno che lo facesse per lui. E aveva sempre bisogno di soldi, per sè, per la moglie Katerina e per i 4 figli. 

Aveva un altra debolezza, che spesso ahimè va di pari passo con la precedente: le donne. Restò fedele con l'anima a Katerina tutta la vita, ma ebbe più di una relazione esterna al matrimonio, la più importante con una Pittrice, Vera (cioè una pittrice di nome Vera...). 

Non è finita... aveva un altro vizio, che ahimè spesso si unisce ai due precedenti in molti uomini...: l'alcool, specialmente il whisky. A causa di questo viziaccio si giocò una collaborazione con Marc Chagall (non arrivò all'appuntamento) e fece una figuraccia a cena da John Fitzgerarl Kennedy (che lo accompagnò personalmente in bagno, pare...). 

Basta? No! Fumava pure! ahi ahi ahi... ragazzi, a volte i grandi nell'arte (in questo caso nella musica) non sono ugualmente grandi nella vita di tutti i giorni, mi raccomando non seguite il loro pessimo esempio!

Stravinskij comunque, nonostante questi difetti, è stato indubbiamente un musicista fondamentale per la Storia della musica. Amava tutte le sue composizioni ed era estremamente sensibile ai giudizi altrui odiando le critiche. Faceva anche il pianista e il direttore d'orchestra. Come amici voleva solo coloro che apprezzavano i suoi lavori... mmmm, non era nemmeno troppo simpatico a quanto pare...

Parlava 4 lingue ed era interessato a tutte le forme d'arte, oltre alla musica. Aveva un pappagallo di nome POPKA che girava libero per casa e un canarino, LYSSAYA DUSHKA (= TESORINO CALVO). Inoltre, aveva anche un gatto VASSKA, che era viziato e geloso.

Uno degli impegni della giornata che prendeva più seriamente era andare a fare la spesa: amava guardare tutti i prodotti disposti ordinatamente sugli scaffali.

Disegno di Picasso per la copertina del Ragtime (1918)
E la sua musica? La su musica è molto particolare e utilizza diversi linguaggi cambiando più di una volta "stile". Inizialmente amava la tradizione russa, della sua terra e in particolare i rituali (vedrete nei prossimi Post The Rite of Spring (=La Sagra della primavera). Poi abbracciò uno stile ispirato all'antico e poi invece al moderno... lo interessano il Jazz, il ragtime...

Dal punto di vista del significato, Stravinskij non vuole mescolare la musica alla vita. Non vuole esprimere sentimenti, ma la musica deve essere autoreferenziale, cioè esprimere se stessa.

Guardate questo video in cui è direttore d'orchestra di un suo pezzo... è molto emozionante poter vedere i musicisti all'opera, cosa che non è possibile con i grandissimi del passato e dobbiamo accontentarci dei Film che hanno fatto su di loro e della nostra immaginazione.


STRAVINSKIJ CHE DIRIGE (PROVE), 1967, "Scherzino" da Pulcinella:



Le sue opere più famose, oltre all'Histoire du Soldat e The Rite of Spring, sono: L'uccello di fuoco e Petruschka e Pulcinella con allestimento di Picasso (3 balletti), Ragtime, Circus Polka per 14 elefanti!(... vedremo...sentiremo...),  Sinfonia dei salmi, la Carriera del libertino (melodramma oggi molto rappresentato nei teatri di tutto il mondo), Sinfonie e Concerti fino a The Owl and the pussycat, suo ultimo lavoro.
Disegno di Picasso per Pulcinella
La sua musica si accosta alla pittura di Pablo Picasso (suo amico e collaboratore) che fece per lui allestimenti, quadri, ritratti.
Jean Cocteau, Picasso, Stravinskij, Olga Picasso

UNA INTERESSANTE CONVERSAZIONE DI STRAVINSKIJ (per genitori e per ragazzi interessati):

Nessun commento: