Translate

martedì 26 agosto 2014

Una notte sul Monte Calvo (4) - Versione Rock: NEW TROLLS

La Copertina del disco
Concludiamo il nostro inquietante X viaggio (prometto atmosfere più rilassanti per la prossima gita...), con una "contaminazione" chiamiamola così... l'arrangiamento rock (o meglio Rock Progressivo) del poema sinfonico di Mussorgsky, realizzata nel 1974 da Vittorio de Scalzi ed eseguita da un gruppo italiano degli anni Settanta (che ancor oggi calca i palcoscenici di tutto il mondo): i NEW TROLLS (per la verità in quell'anno New Trolls Atomic System, ma non andiamo troppo nello specifico) e poi contenuta in un Album antologico uscito nel 1976 con il titolo Una notte sul Monte Calvo.

Il singolo, 1974
Mi piace sottolineare questi intrecci tra il mondo della "classica" e il mondo della musica Pop-Rock, perchè se il livello artistico resta elevato (e sottolineo il SE), sono assolutamente favorevole a far scendere dal piedistallo la "musica colta" e far salire alle più alte sfere la musica di più largo consumo. 

I NEW TROLLS sono un gruppo musicale formatosi a Genova nel 1966: Vittorio De Scalzi (chitarra, tastiere, flauto e voce), Nico di Palo (chitarra e voce), Mauro Chiarugi (tastiere), Gianni Bellano (batteria), Giorgio d'Adamo (basso). Il loro stile unisce elementi beat e psichedelici (sul significato di tale definizione lascio a voi il compito, se vi interessa, di fare una ricerca...); sono musicisti di alta e solida formazione (e ci tengo a sottolinearlo oggi che viviamo nell'epoca degli artisti improvvisati...) e si ispirano a Jimi Handrix e Vanilla Fudge. Hanno aperto tanti concerti dei Rolling Stones... per approfondire: www.newtrolls.it

Dopo aver ascoltato la musica di Mussorgsky nella versione originale, sarà interessante proporre ai vostri figli questo ascolto e poi chiedere loro quale delle due versioni piace di più. Inoltre, mi fa piacere che i ragazzi sappiano che la musica Rock ha preso non poco dal mondo della musica classica e che i più grandi musicisti Rock e Pop hanno una base e una cultura classica... 

Nessun commento: