Translate

sabato 20 settembre 2014

Il Flauto magico (10) - Opéra Imaginaire

Copertina del DVD
"Opéra Imaginaire" è un film di Pascal Roluin del 1993, in cui un misterioso signore proprietario dell'Opéra illustra agli spettatori alcuni brani d'opera e presenta loro i personaggi. Molto simile a Fantasia e ad Allegro non troppo di Bozzetto, ma decisamente meno conosciuto, propone ai bambini (ma come sempre anche ai grandi...) alcuni brani d'opera in chiave "cartoonistica". Cominciamo oggi a visionare i filmati che hanno attinenza con gli argomenti trattati nel blog.
Locandina del film
Il cortometraggio che si intitola “Du also bist mein Braütigam?” (=sarai tu allora il mio sposo?) di Raimund Krumme. La scena che viene illustrata si trova nel II atto, scena 27°, quando i tre fanciulli cercano fermare Pamina che, disperata, vuole togliersi la vita, perchè pensa che Tamino l'abbia dimenticata. Non vi ricordate la trama? Ripassiamola insieme:

ATTO I: in un antico Egitto immaginario il Principe Tamino è inseguito da un serpente e sviene. Lo salvano tre dame, a servizio della Regina della Notte, che uccidono i serpente. Le tre donne se ne vanno e arriva sulla scena il nostro amico Papageno, che si vanta di aver ucciso il serpente. Per questo la Regina lo punisce serrandogli la bocca con un lucchetto. Le tre dame, tornate sulla scena per punire Papageno, mostrano a Tamino il ritratto di Pamina, figlia della regina, che a detta loro sarebbe in pericolo, catturata dal "cattivo" Sarastro. Tamino se ne innamora.  Appare la Regina della Notte e Tamino accetta di spendersi per salvare la di lei figlia. Le tre dame consegnano ai due "eroi" (anche Papageno dovrà unirsi a Tamino nell'impresa) gli strumenti magici: un flauto e un Glockenspiel. I due "eroi" partono alla volta del palazzo di Sarastro. Pamina è tenuta prigioniera da Monostatos, un guardiano nero e Papageno ha paura di lui, ma lui ha paura di Papageno... scena comica! Papageno libera Pamina e le rivela che c'è un principe che sta per arrivare a salvarla (Tamino e Papageno si erano divisi e avevano seguito due strade diverse). Tamino è guidato da tre fanciulli che lo portano dinanzi a tre templi. Dal terzo tempio esce un messo che rivela a Tamino la verità: la cattiva è la Regina, che tiene in scacco la figlia. Sarastro vuole solo salvarla. Pamina incontra Sarastro e gli spiega come mai è fuggita e gli chiede perdono. Sarastro conduce Tamino e Papageno al tempio degli iniziati: Tamino per avere Pamina dovrà superare tre prove. ATTO II: invocati Iside e Osiride, Tamino affronta e supera le prove. Pamina, credendo che Tamino non corrisponda più il suo amore (in realtà egli non può parlare perchè sta affrontando la prova del silenzio) decide di uccidersi (ecco il punto del nostro cartone animato!). I tre fanciulli la fermano. Pamina accompagnerà Tamino nelle difficili prove dell'acqua e del fuoco. I due trionfano, la Regina della Notte sprofonda nelle tenebre e vincono Sarastro e il regno del Sole. Anche Papageno conquista la sua Papagena.

La scena è una rivisitazione geometrica del momento del tentato suicidio di Pamina, che combina animazione in 2D e in 3D. La scena si conclude con questa sentenza: due cuori che ardono d'amore non potranno mai essere separati dalla debolezza umana...

I tre fanciulli "geometrici"
I personaggi hanno il corpo geometrico (un cubo, un cilindro e così via) e si muovono in una struttura fatta di cubi, triangoli e rettangoli..  per gli appassionati d'opera: Pamina è la grandissima Lucia Popp.

I cubi in cui si muovono i personaggi



Nessun commento: