Translate

sabato 25 ottobre 2014

Libro di lettura. "L'Albero"; Beethoven: "Amo un albero più che un uomo..."

Copertina del libro
Piccola pausa di lettura e immaginazione...
Un signore che si chiamava Charles Neate, che conobbe Beethoven nel 1815, disse che non vide mai nessuno innamorato con tanta intensità dei fiori, delle nuvole, della natura: sembrava che ne vivesse.

"Nessuno, sulla terra, può amare la campagna come me..." scrisse Beethoven, "AMO UN ALBERO PIU' CHE UN UOMO..."

Ogni giorno, a Vienna, faceva il giro delle mura, passeggiava solo solo, senza cappello, sotto il sole o la pioggia: "Onnipotente! nei boschi io mi sento felice: sono felice, nei boschi!, dove ogni albero parla di te; Dio, che splendore! In queste foreste, sulle colline, vi è la calma...."




Proprio mentre leggevo queste pagine, tratte dalla "Vita di Beethoven" di Rolland, Giacomo ha ricevuto in dono questo meraviglioso gioiello, che, sebbene non abbia una correlazione diretta con il mondo musicale, mi ha fatto subito pensare alla frase di Beethoven e al suo incondizionato amore per la natura, che emerge in molte sue composizioni. Così, ho pensato di associare questo libricino a lui e proporlo a voi come lettura. Antonio si è commosso... Giacomo rideva... modi diversi di reagire ad una stessa situazione. Io l'ho trovato poetico, intenso, fin troppo "forte" per i bambini... ma bellissimo. 

"C'era una volta un albero..." così comincia... ed è la storia dell'amore, ricambiato, che lega un bambino (che poi cresce) ad un albero. Il mutare dei sentimenti, dei valori, di bisogni, confrontato con l'immutabilità della natura... la generosità della natura a confronto con l'egoismo umano, presente anche in chi ha un animo buono... poi ognuno può dare tutte le letture che vuole...

 Vi "regalo" qualche fotografia di qualche pagine del libricino, che si intitola "L'albero", è edito da Salani e costa 9, 80 euro, l'autore è Shel Silverstein. 

"Penso che i libri, anche quelli per bambini piccoli, possano contenere più di un'idea. Una sola storia può contenerne molte, almeno cinquanta" (Shel Silverstein). 

http://www.shelsilverstein.com/  

Nel sito trovate anche giochi, attività, filmati, oltre a tutti i libri di Shel Silverstein. Shel conosceva ed è stato in qualche modo indirizzato a scrivere libri per l'infanzia da Tomi Ungerer... ricordate il libro che vi ho suggerito qualche tempo fa?... Shel era anche amante della musica e sapeva suonare la chitarra, il pianoforte, il sax ed anche il trombone.

Meravigliosa immagine del bambino che si arrampica sull'albero... L'innocenza...












L'inquietudine del bimbo cresciuto... che perde progressivamente la spensieratezza e il senso di libertà... non si arrampica più perchè "è troppo grande"...















Lo sguardo dell'adulto... si commenta da solo.

Che Dio preservi intatto per più tempo possibile il "pensiero magico" a tutti i bambini... 

Senza più "pensiero magico" siamo smarriti, ci sentiamo vulnerabili, indifesi...

Credo che la musica sia un po' come un pensiero magico... quando sono in ansia, quando devo affrontare problemi grandi e piccoli, paure, esami che riguardano la salute.... penso che se sapessi suonare uno strumento non mi sentirei mai così sola. Anche per questo, bambini, imparate a suonare o, almeno, ad amare la musica...






Questa è la versione animata del libro con la voce narrante dell'autore (in inglese):

Nessun commento: