Translate

domenica 23 novembre 2014

La Cenerentola (4) - Il libro multilingue e la canzone di Cenerentola

La copertina del libro dedicato all'opera di Rossini
Proseguiamo nella nostra analisi di questa magnifica opera buffa di Gioachino Rossini, sempre in vista della nostra prima vera esperienza teatrale che inseriremo nel Blog... il 6 dicembre saremo al Teatro alla Scala per La Cenerentola per i bambini, la nuova lodevole iniziativa del Teatro più famoso al mondo, per avvicinare i più piccoli al mondo della lirica.

Cenerentola fa le faccende di casa...
Ho trovato per voi, per ripassare ancora la trama in modo semplice, un altro bel libro: si tratta di un progetto di Lama House pubblicazioni del 2009: La Cenerentola raccontata da Monica E. Lapenta e illustrata da Monica Auriemma (prezzo 16 euro).

La prima illustrazione raffigura Cenerentola che pulisce con uno straccio il pavimento accanto al camino... e mentre pulisce canta una canzone "profetica", cioè che anticipa involontariamante (ma volontariamente per il librettista Jacopo Ferretti) la trama della storia: "Una volta c'era un re..." che si annoia ad essere solo e decide di sposarsi. Deve scegliere tra tre sorelle e sposerà la più pura e semplice delle tre... ecco la canzone di Cenerentola qui interpretata dalla brava e bella Elina Garancia al Met.

Il testo della canzone:

CENERENTOLA:
Una volta c'era un Re,
che a star solo s'annoiò:
cerca, cerca, ritrovò;
ma il volean sposare in tre.
Cosa fa?
Sprezza il fasto e la beltà.
E alla fin sceglie per sé
l'innocenza e la bontà.
La la là
Li li lì
La la là



Per approfondire (per i più grandi): http://operaomniablog.blogspot.it/2012/10/la-cenerentola-5-una-volta-cera-un-re.html

Le sorellastre Clorinda e Tisbe
Si comincia con un ex-libris:

"Una grazia, un certo incanto
Par che brilli su quel viso!
Quanto caro è quel sorriso.
Scende all'alma e fa sperar."
Cenerentola e Ramiro, Atto I, Scena IV


Cenerentola arriva alla festa, velata
Segue una breve introdizione che ci racconta che La Cenerentola è tratta dalla fiaba di Perrault e adattata dal librettista Jacopo Ferretti e andò in scena per la prima volta a Roma al teatro Valle il 25 gennaio 1817.

Cenerentola lascia al principe uno "smaniglio"
Che manca, rispetto all'originale, l'elemento magico, perchè forse non adatto ai gusti del pubblico dell'epoca. 

Segue l'elenco dei personaggi. 

Il principe va in cerca della sua bella
Il tutto è sempre tradotto in inglese, in giapponese e in tedesco... per questo ho chiamato questo libro "multilingue".


Lieto fine
La storia è raccontata in modo molto semplice, facilmente comprensibile anche dai bambini più piccoli, con qualche aiuto per comprendere alcuni termini desueti, che comunque è sempre bene far loro conoscere per ricchezza lessicale e loro cultura. 

La storia è accompagnata da disegni molto originali e raffinati che sicuramente piaceranno anche a voi adulti.




Alla fine, concludono il libro una serie di pagine bianche per i vostri "appunti" o i vostri ricordi...

Un libro d'altri tempi, come quelli che piacciono a noi...


Nessun commento: