Translate

venerdì 2 gennaio 2015

"Fra' Martino" nella I Sinfonia di Mahler


I Cervi della Mahler Stube... gli animali del bosco
Fare ascoltare la musica di Mahler ai bambini non è facile. Ma come primissimo approccio, da collegare al nostro piccolo viaggio musicale reale di ieri alla Mahler Stube di Dobbiaco, ho pensato al III movimento della I Sinfonia che è una "Marcia funebre", ispirata al compositore da una vecchia stampa caricaturale per bambini (e vedete che i bambini ci sono!): "II funerale del cacciatore" di Moritz von Schwind del 1850.

Il corteo funebre del cacciatore
Mahler stesso la descrive nel programma di Budapest: «Gli animali del bosco accompagnano alla tomba la bara del cacciatore morto: le lepri portano lo stendardo, davanti c'è un gruppo di musicanti boemi con i quali suonano gatti, rospi, cornacchie e cervi, caprioli, volpi, e altri animali del bosco, alati o a quattro zampe, seguono il corteo in atteggiamenti farseschi». L'atmosfera è dunque ambigua, e oscilla tra ironia, sarcasmo e sinistri presagi. I timpani pulsano nel silenzio: e su quel rintocco si profila, lugubre e spettrale, un canone sulla melodia della canzone popolare Fra' Martino Campanaro, trasposta in tonalità minore. Cosa significa? Beh, per spiegarlo in modo semplice semplice, immaginate un pittore con la sua tavolozza di colori: un quadro in "maggiore" è ricco di giallo, rosso, arancio, colori vivi e che comunicano allegria. Un quadro in "minore" è scuro o fatto di tenui colori pastello... a evocare tristezza, malinconia... così sono le tonalità per i compositori: sono i loro colori.

Fra' Martino
Come scrive Bruno Walter, «siamo condotti in un inferno che non ha forse l'eguale nella letteratura sinfonica». Il suono è terribilmente cupo, la melodia strisciante e, sopra questo abisso che comincia il contrabbasso, il primo oboe saltella, triste e insieme beffardo. Una melodia ungaro-boema introduce un moto volteggiante, ma tutto sfocia in una ripresa di Fra Martino campanaro, che sembra attirare tutto nel suo gorgo oscuro.

Nessun commento: