Translate

martedì 24 febbraio 2015

L'elisir d'amore (1) - Libro per bambini

Copertina del libro
XX piccolo viaggio musicale: alla scoperta dell'opera di Gaetano Donizatti (con una "z"!) "L'elisir d'amore", andata in scena per la prima volta a Milano, al Teatro della Canobbiana, il 12 maggio 1832. Il libretto (cioè i versi che raccontano la storia) è di Felice Romani

Il libro da cui cominciamo ad analizzare l'opera e quindi a conoscerne prima di tutto la trama, fa parte della serie di libri "multilingue" (dei quali abbiamo già visto La Cenertentola), pubblicati da Paramica Lama House Publishing (2009). La storia è riraccontata in modo semplice da Cristina Marsi e i disegni, molto belli e allegri, sono di Ingrid Kuris

Ambientazione
Villaggio di campagna.

L'opera comincia con questa introduzione strumentale, che ha il sapore della campagna; atmosfera allegra e operosa (contadini al lavoro):


Personaggi:
Adina (soprano): ricca e capricciosa padrona della fattoria che sa leggere.
Nemorino (tenore): contadino giovane, timido, follemente innamorato di Adina; non sa leggere.

Nemorino
Belcore (baritono): sergente, anch'egli invaghito di Adina e in generale delle donne.
Dulcamara (basso buffo): dottore ciarlatano (cioè un falso dottore).

Adina legge un libro
Trama:
Un gigantesco albero protende i rami sul ruscello... così comincia il racconto. Siamo in campagna, in un vilaggio di contadini. I mietitori sono al lavoro, mentre Adina, la proprietaria della fattoria, legge un libro: "Tristano e Isotta", una storia d'amore in cui alla fine i due bevono un filtro magico che li fa innamorare... una storia che in parte anticipa quello che accadrà al villaggio.

Nemorino la guarda da lontano
Nemorino, un giovane ragazzo buono ma un po' sciocco, la guarda innamorato. "Più la vedo e più mi piace", dice. Ma è timidissimo e non sa come fare per dichiarare il suo amore alla ragazza.

LUCIANO PAVAROTTI (NEMORINO): "QUANTO è BELLA QUANTO è CARA":




Luciano Pavarotti nel pieno della sua carriera. Un indimenticabile Nemorino!

L'elisir d'amore

Nemorino ascolta la storia che legge Adina e sente dei prodigi dell'Elisir d'amore, filtro che fa innamorare Isotta di Tristano... "Se solo conoscessi la ricetta di quell'elisir!" pensa... e sogna...

Belcore con l'esercito
Si sentono dei rulli di tamburo: è il sergente Belcore con il suo esercito che chiede ospitalità alla fattoria di Adina; è in cerca di nuove reclute. Belcore ama le belle donne e corteggia Adina con fiori e parole ... lui sì che sa come fare... e lei sembra cedere. Lui le chiede addirittura di sposarlo!

Adina balla con Belcore
Nemorino si fa forza e parla ad Adina. Ma lei lo respinge. Non le interessa. Che vada piuttosto a curare suo zio malato (e ricco) che vive in città: se dovesse morire potrebbe lasciargli una bella eredità. Ma a Nemorino i soldi non interessano. Lui soffre per amore. 
Adina gli consiglia di cercare compagnia da altre ragazze: "Io sono volubile e capricciosa, non vado bene per te", gli dice. 

Nemorino disperato
Nemorino è sempre più disperato. Ama davvero Adina, con tutto il suo cuore e non può cambiare ragazza!

La carrozza dorata di Dulcamara
Arriva dalla collina una carrozza dorata, proprio come una di quelle che abbiamo visto al Museo delle Carrozze a Palazzo Farnese a Piacenza! Chi sarà?

Dulcamara
E' Dulcamara, un finto medico, che però si presenta agli abitanti del villaggio con una certa abilità (e anche simpatia) per vendere le sue portentose false medicine... che guariscono malattie e fanno ringiovanire!

Nemorino compra l'elisir
Nemorino si fa coraggio e chiede a Dulcamara: "Ha anche l'Elisir d'amore? Quello di Isotta?!"
"Certo!", gli risponde Dulcamara... "ne sono il distillatore!", aggiunge.

Nemorino ha solo un soldo e lo usa per comprare l'elisir, ingenuamente. Ovviamente non si tratta di una vera pozione magica, ma soltanto di una bottiglia di vino rosso!

Nemorino beve l'elisir
Dulcamara gli fornisce le istruzioni per l'uso: scuotere un pochino, aprire facendo attenzione che non esca il vapore portentoso, bere a piccoli sorsi"... l'effetto arriverà in pochi giorni e il sapore è eccellente! Certo.... è vino!

Nemorino si nasconde e beve il suo elisir... ne sente subito l'effetto: è invaso da un calore inebriante. Sta diventando ubriaco!

Si sente presto di buon umore. E' talmente allegro che tutti lo prendono per matto!

Nemorino fa l'indifferente quando vede Adina, per capire se l'elisir fa già effetto.

Adina è infastidita da quella nuova indifferenza...

Belcore è raggiunto da una improvvisa comunicazione: deve mettersi in marcia l'indomani con i suoi soldati. Meglio accelerare le nozze con Adina. 

Nemorino trova il coraggio di chiederle di aspettare almeno un giorno (perchè vuole che l'elisir faccia effetto in modo completo).

Ma Belcore è deciso. Matrimonio subito!

Tutti cantano e ballano alla festa
Si prepara una grande festa in fattoria per le nozze. Viene invitato anche il notaio che deve stipulare il contratto di matrimonio. Adina vuole vendicarsi per l'atteggiamento di indifferenza che ha assunto Nemorino... 

Tutti ballano e cantano, anche Dulcamara insieme ad Adina. 

Nemorino disperato
Nemorino è l'unico a non godersi affatto la festa. E' disperato e senza speranza. Chiede aiuto a Dulcamara, il quale gli suggerisce, furbescamente, di acquistare una seconda bottiglia di elisir per potenziare l'effetto. Ma Nemorino non ha più soldi! Belcore allora gli offre di arruolarsi nell'esercito per 20 scudi. Affare fatto. E così Belcore si libera del rivale in amore.... furbo anche lui!

Tutte le ragazze corteggiano Nemorino
Nel frattempo, però, muore lo zio ricco di Nemorino e lui diventa erede di una fortuna. Nemorino ancora non lo sa ma la voce si è già sparsa per il villaggio. Le ragazze gli si avvicinano, attirate dalla sua nuova ricchezza... Nemorino pensa che sia l'effetto dell'Elisir d'amore e prende coraggio. Persino Dulcamara pensa che, in fondo, il suo elisir ha dei poteri magici!

Adina è indispettita... comincia a capire che in fondo Nemorino le piace.

Adina esce a fare acquisti con l'amica Giannetta e incontra Dulcamara... scopre così che Nemorino, per conquistarla, ha comprato ben due bottiglie di elisir e che, per farlo, non avendo soldi, si è arruolato nell'esercito di Belcore. Adina si commuove e capisce la bontà di Nemorino. 

Nemorino, dal canto suo, ha notato che Adina, mentre lui era corteggiato dalle altre, piangeva di nascosto: significa che qualcosa prova per lui! (Una furtiva lacrima...)


Questa è una delle Arie più famose di tutto il repertorio operistico di tutti i tempi! E qui Pavarotti la canta divinamente!
Nemorino e Adina innamorati
Alla fine i due, finalmente, si dichiarano reciproco amore e si fidanzano...

Tutte comprano l'elisir di Dulcamara
Si sparge la voce che l'elisir di Dulcamara non solo fa innamorare, ma rende anche ricchi! E così il trionfo di Dulcamara è fatto! Vende tantissime bottiglie di elisir. L'unico che resta a bocca asciutta è Belcore, ma si consola pensando che il mondo è pieno di belle ragazze. 

Dulcamara ricco e felice

Vi è piaciuta questa storia? Ora avremo modo, nei prossimi Post, di approfondirla ulteriormente con l'ausilio di altri strumenti "didattici" e altri "piccoli viaggi" reali e non.

Nessun commento: