Translate

sabato 28 febbraio 2015

PVM in cucina - LA TURTA DEL DONIZET

Giacomo monta il burro con lo zucchero
Donizetti voleva distinguersi da Rossini, che a quell'epoca era il più famoso e apprezzato autore di opere buffe. Non c'era competizione nè rivalità tra i due. Pare che un giorno i due si siano trovati a pranzare insieme e Rossini, vedendo che Donizetti era piuttosto triste a causa di una delusione d'amore, chiese al cuoco, per consolarlo, di portargli una torta semplice e veloce (si sa, Rossini era un golosone!), ma speciale.
Il risultato fu eccellente e quella torta esiste davvero, si chiama TORTA DONIZETTI (TURTA DEL DONIZET, in bergamasco, terra d'origine del musicista) e noi, ovviamente, abbiamo provato a farla, Giacomo adora fare "Masterchef" (è capitato di vedere quella trasmissione un paio di volte...) e così ho pensato bene di coinvolgerlo.
In realtà questo dolce è stato ideato da Alessandro Balzer nel 1948 per celebrare il centenario della morte del compositore e operista bergamasco, ma a noi piace di più credere alla "leggenda".

Gli ingredienti pronti 
INGREDIENTI PER 8 PERSONE:
100 g Albicocche candite
100 g Ananas candito
vaniglia
120 g fecola di patate
50 g farina 00
320 g burro
8 tuorli e 4 albumi
120 g zucchero
zucchero a velo

Montare il burro con lo zucchero. A me pare una dose di burro esagerata ma... è così in tutti i ricettari che ho consultato! Non pensiamo al colesterolo...

Giacomo amalgama...
Aggiungere i tuorli e amalgamare.

Montare a neve gli albumi.

Aggiungere farina, fecola e le albicocche e l'ananas a piccoli pezzettini e la vaniglia (se volete, ci va un po' di maraschino, ma a noi non piacciono i dolci con il liquore).

Imburrare uno stampo a ciambella (24/26 di diametro). Mettere l'impasto nello stampo.

Pronto per il forno
Infornare a forno preriscaldato a 180° per 40 minuti.

A cottura terminata, spolverare con zucchero a velo.

Ehm... non posso mettere il risultato della nostra prima torta.... qualcosa non ha funzionato... la nostra Torta Donizetti non è cresciuta... e navigava nel burro... mah... ci riproveremo.... abbiamo già chiesto alla nonna di aiutarci. Renderemo conto del nostro II tentativo, sperando sia più fortunato! Se qualcuno di voi vuole aiutarci e provare... mi piacerebbe ricevere le foto delle vostre torte e inserirle in questa pagina!

Ad accompagnare il nostro lavoro, abbiamo scelto La Barcarola "La Nina Gondoliera e il Senator Tredenti",  una "canzone" che deriva dal canto dei barcaioli, il suo ritmo ricorda il dondolio della barca e il ritmo regolare dei remi.  La canta Dulcamara alla festa per le imminenti nozze di Adina.




Ricetta presa da:
Buon lavoro e Buon appetito!

Stessa ricetta, altre versioni... decisamente le foto sono ben diverse dal risultato da noi ottenuto!

Cucchiaio d'argento


Bergamo, città dei mille sapori


Gustissimo


ambrosiaenettare.blogspot.it


Nessun commento: