Translate

martedì 17 marzo 2015

Tristano e Isotta (2) - Una piccola storia sul destino e sull'amore eterno

Copertina del libro
Approfondiamo il tema della leggenda del tristano (e la musica di Richard Wagner), con un secondo libro, della stessa autrice che abbiamo conosciuto quando ho presentato La Bohéme (Leggi: Libro sulla Bohème): Carolina Fabinger, "Tristano e Isotta, Una piccola storia sul destino e sull'amore eterno", Nuages- Tre Passi editore, 16 euro.

La prima pagina: l'albero che troverete alla fine
In questo caso la trama è assai più vicina all'opera di Wagner e quindi può essere d'aiuto anche per chi volesse addentrarsi nell'ascolto integrale del complesso capolavoro wagneriano. Il libro è molto originale nella forma, nei disegni, nella scelta grafica della scrittura in stampatello maiuscolo e con parole di diversa grandezza stampate sui disegni con criterio estetico oltre che contenutistico.

Ho chiesto ad alcuni amici esperti wagneriani di suggerirmi alcuni brani dall'opera di Wagner da inserire come ascolti. Ho riportato i loro suggerimenti e inserito i brani che mi hanno segnalato. Sono molto soddisfatta di questo lavoro di collaborazione con veri appassionati d'opera!

La storia, ci dice l'autrice, narra una vicenda grandiosa e romantica in cui sono protagonisti cavalieri e forze magiche. I sentimenti in gioco sono molteplici: amicizia fedele, tradimenti, immenso amore...
La vicenda è ambientata sul mare celtico: Irlanda e Cornovaglia, in antichi regni di leggende e miti, dove sorgono castelli, antiche chiese, cimiteri e foreste popolate da elfi e fate.

Immagine del mare celtico

Il mare nordico è burrascoso e difficile da attraversare per tutte le navi.
Ecco i personaggi della storia: 
TRISTANO: valoroso cavaliere del re di Cornovaglia
KURVENALDO: unico e fedele servitore di Tristano
ISOTTA: principessa guaritrice di Irlanda, figlia del re di Irlanda
BRANGANIA: serva e amica di isotta
MOROLDO: audace e fiero cavaliere di Irlanda, fidanzato di Isotta
RE MARKE: re di Cornovaglia
MELO': rivale cattivo di Tristano, invidiosissimo


I personaggi
Isotta vive in un paese ove sente il profumo del mare, il rumore delle sue onde agitate... ella si deve sposare con Moroldo, ma questi deve prima compiere un'ultima missione e recarsi dal re Marke di Cornovaglia a esigere il tributo annuale per il suo re.

Isotta sugli scogli in riva al mare
Moroldo allora salpa e veleggia fino in Cornovaglia, portando con sè una spada incantata, dono della sua fidanzata: la lama è avvelenata e chi ne venisse ferito non potrà essere guarito se non dalle capaci mani di Isotta.

Tristano sconfigge Moroldo
Ma quando arriva in Cornovaglia viene affrontato e ucciso dal valoroso Tristano, in nome dell'indipendenza e della liberrtà della sua patria.

La testa di Moroldo torna a casa...
In segno di vittoria, manda in Irlanda la testa di Moroldo. Isotta rimane sconvolta e vuole vendicarsi.

Tristano è ferito
Intanto, Tristano partecipa ai festeggiamenti per la riconquistata libertà del suo paese, ma scopre di essere ferito e sa che l'unica a poterlo guarire è la principessa Isotta. decide di partire in incognito (si fa chiamare Tantris) su una piccola imbarcazione alla volta dell'Irlanda.

Isotta guarisce Tristano
Isotta, non conoscendo la vera identità del ferito, lo cura, ma poi scopre di chi si tratta veramente: dell'uccisore del suo Moroldo.

Isotta sguaina la spada contro Tristano

Isotta desidera vendicare la morte di Moroldo e si lancia a spada sguainata contro Tristano, ma egli la fissa negli occhi e le chiede perdono. Isotta è fermata da un forte sentimento di pietà e lascia andare Tristano. Confusa e disorientata, gli chiede di promettere di non tornare mai più nella sua terra e di non svelare a nessuno i fatti.

Tristano torna a casa
Nel frattempo, il re Marke decide di far pace con l'Irlanda. Isotta è sconvolta dal dolore per la perdita di Moroldo e dalla meraviglia per aver lasciato fuggire l'assassino del suo amato.

Il re con Tristano
Per suggellare la pace, il re di Cornovaglia decide di prendere in moglie Isotta e di mandare in Irlanda Tristano come messaggero: Tristano dovrà dunque infrangere la promessa fatta alla sua guaritrice.

La disperazione di Isotta
Tristano parte e infrange la promessa. Isotta resta delusa. Si sente tradita e disonorata da Tristano e la rabbia la assale. Ma purtroppo per lei, deve partire e andare in sposa al re Merke

Il viaggio verso la Cornovaglia
Non può sfogare la sua rabbia e maledice il giorno in cui ha incontrato e guarito Tristano.

Isotta prepaara un veleno
Isotta prepara un Elisir che dona sonno eterno e oblio... un veleno mortale! Vuole metterlo nel vino che berrà Tristano per vendetta. Tristano, tenutosi lontano da lei per tutta la durata del viaggio, va a trovarla solo poco prima di arrivare in Cornovaglia.

Tristano e Isotta hanno bevuto il filtro..
Nel frattempo, la serva Brangania ha sostituito il veleno mortale con un Elisir d'amore... Tristano e Isotta lo bevono e si innamorano l'uno dell'altra all'istante. Il sentimento che provano è infinito e nessuno può separarli.

La nave approda
La nave approda accompagnata da grida di giubilo. Re Marke si trova ad aspettarla personalmente al porto per salutare e dare degno benvenuto alla sua promessa sposa. Viene organizzata una festa grandiosa per celebrare il matrimonio.

Incontri clandestini tra i due amanti
Il matrimonio fin da subito non va bene. Il re è buono ma Isotta ha il cuore solo per Tristano e i due amanti si incontrano nella notte, segretamente, di nascosto da tutti. La notte buia diventa la loro complice... solo nel segreto trovano spazio per il loro amore. Ma il maligno Melò li scopre e decise di far sì che il re li scopra a sua volta.


Porta il re a caccia e lo conduce proprio nel luogo ove sa che si incontrano i due amanti. Una volta sorpresi, l'aria si riempie di spavento, agitazione, turbamento e delusione.

"L'inizio del II atto, con la musica della caccia notturna (il re che fa finta di andare a caccia, cosi' da cogliere sul fatto gli amanti), potrebbe essere piu' suggestiva per un bambino; e può essere integrata in un racconto "da favola" adatto a dei bambini." (Michele Cascella)



Il crudele Melò tira fuori la sua spada e ferisce profondamente Tristano che si è messo davanti a Isotta per proteggerla con il suo corpo. Poi, gravemente ferito, fugge insieme a Kurvenaldo che lo accompagna fino a una piccola isola dove si trova un vecchio castello. Là finalmente trova riposo, sdraiato all'ombra di un bel tiglio, e pensa alla sua amata Isotta.

Isotta riceve il messaggio
Kurvenaldo manda un messaggio a Isotta, perchè venga in soccorso a Tristano, ferito gravemente. Isotta, letto il messaggio, fugge dalla Cornovaglia alla volta dell'isoletta, per aiutare il suo Tristano.

"Il preludio al terzo atto, brano sicuramente molto suggestivo anche se non ho idea di che effetto possa scatenare su un bambino" (Emilio Federico)

Ascolta Preludio Atto III - Tristano e Isotta, Richard Wagner

Ma Tristano non ce la fa: cade in un sonno eterno dal quale nemmeno l'amore profondo di lei riuscirà a salvarlo.

L'ultimo abbraccio tra i due amanti
Nel frattempo, Brangania ha raccontato al re Marke la storia del filtro d'amore e il re si rende conto che nessuno dei due lo ha tradito intenzionalmente. Decide allora di lasciar trionfare l'amore e lascia che Isotta vada dal suo Tristano... ma è troppo tardi!


La tomba di Tristano e Isotta

Isotta, sopraffatta dal dolore per la morte di Tristano, si lascia morire a sua volta per unirsi al suo amore in una notte eterna e infinita in un mondo dove nessuno potrà seguirli.


Il retro del libro

Spero vi sia piaciuto questo libro! A me molto. E con un po' di musica ancora di più!

Nessun commento: