Translate

venerdì 24 luglio 2015

Libro di lettura: Cenerentola a fumetti

Copertina del libro
L'occasione per "ripassare" La Cenerentola di Rossini ce la offre questo bellissimo libro a fumetti: "Cenerentola" di Cristina Pieropan, edito da Nuages TrePassi (16 euro). Anche questo i parmgiani lo trovano alla Biblioteca di Alice, interna al Prco Ducale. Ma è un libro che merita di essere parte della vostra biblioteca musicale.

Ripassiamo dunque questa bella storia e riascoltiamo alcuni brani dall'opera di Rossini, a cominciare dalla frizzante Ouverture



Vi ricordate i personaggi? Cenerentola è il soprannome (da cenere perchè costretta sempre a far pulizie china a terra) di Angiolina, figliastra di Don Magnifico, Barone di Montefiascone, nobile squattrinato come spesso accade a nobili anche di oggi. Don Magnifico è quello a destra nel disegno qui sotto.


A sinistra potete vedere Alidoro, che è il "sostituto" della fatina della fiaba classica che qui non c'è perchè Rossini, per avvicinare maggiormente la storia al pubblico, ha abolito l'elemento magico. Alidoro è il filosofo tutore di Don Ramiro, il principe ancora single che viene sollecitato dal padre a prender moglie. Nel disegno qui sotto Angiolina e Don Ramiro.


Nell'opera ha il compito di aiutre Don Ramiro nella scelta della moglie giusta e all'inizio compare in scena travestito da mendicante per "testare" la bontà delle fanciulle. Fanciulle perchè in casa non c'è solo Angiolina ma anche le sue due perfide sorellastre, che fanno di tutto per sfruttarla come una serva e umiliarla, forse invidiose della di lei bellezza (mentre loro sono bruttine!). Le sorellastre si chiamano Clorinda e Tisbe. Eccole qui:


Manca ancora un personaggio: è Dandini, lo scudiero o cameriere del Principe Ramiro. I due si scambieranno d'abito perchè il proncipe vuole che la sua futura sposa sia innamorata di lui e non della sua ricchezza. In questo racconto, poi, ci sono tre personaggi in più, che sono tre buffi cagnolini: Imma, Ercolino e Cicci Pasticci:


Si comincia con l'immagine di un interno di teatro, con l'orchestra che suona e il pubblico che ascolta e guarda... siamo all'Ouverture dell'opera di Rossini, che, come di certo ricorderete, aveva il compito, oltre che di fare da "introduzione", di richiamare gli indisciplinati all'attenzione... infatti, all'inizio sentirete gli accordi in fortissimo, come dire: "Signori, ai vostri posti, inizi lo spettacolo!". Anche perchè all'epoca di Rossini a teatro succedeva veramente di tutto! Non stavano certo tutti buoni e (quasi) zitti e immobili come oggi!



La prima scena vede Cenerentola intenta a fare pulizie e a cantare una canzone ("Una volta c'era un re"), che è una canzone "profetica" che anticipa ciò che accadrà nell'opera: un principe sceglierà per moglie la più buona e innocente... i tre cagnolini buffi la ascoltano (sono un po' come i topolini Disney), mentre le due sorelle cercano di zittirla, infastidite.


Entra in casa il mendicante (Alidoro travestito) e l'unica che dimostra carità e dolcezza verso di lui è Cenerentola, mentre le sorelle lo cacciano in malo modo. Arriva poi il messaggero del re ad annunciare l'imminente arrivo del Principe che intende dare una festa a Palazzo per scegliere la sua sposa e quindi invitare alla festa da ballo tutte le fanciulle in età da marito. (Coro: O figlie amabili di Don Magnifico).


Le sorelle sognano già di essere le prescelte e vanno in agitazione. Cominciano a chiedere a Cenerentola mille cose: "Cenerentola vien qua, Cenerentola vien là"... e lei corre come una matta per soddisfare i loro capricci da figlie viziate.


Poi le due sorelle litigano su chi debba andare a svegliare il padre per avvisarlo della fantastica opportunità che si è manifestata loro. Don Magnifico, in camicia da notte, si sveglia per i loro battibecchi e racconta di aver fatto un sogno premonitore di un asino alato che vola in cima ad un campanile, a significare una prossima sua ascesa sociale grazie al riuscito matrimonio di una delle due sue amate figlie.



Giunge il Principe (in realtà Dandini travestito) con il suo scudiero Dandini (in realtà il Principe). Il finto principe annuncia il ballo e le due figlie si fanno in quattro per farsi notare non sapendo che il vero principe ènascosto sotto le vesti dello scudiero! 



Cenerentola, invece, si innamora a prima vista dello scudiero, non sapendo che si tratta in realtà proprio del principe Don Ramiro! Una bella confusione! Tipica delle opere buffe che si ingarbugliano sempre di più per poi sciogliersi nel finale. 



Anche il principe si innamora di Cenerentola: Un soave non so che 
Ma Don Magnifico vuole impedire a Cenerentola di andare al ballo, insensibile alle preghiere di lei...


Cenerentola rimane così desolata a casa, triste e in compagnia dei suoi irrealizzabili sogni...


Ma all'improvviso la sua solitudine è interrotta dall'arrivo di Alidoro, che la esorta a smettere di piangere e le fornisce un bell'abito e una carrozza per andare alla festa: là del ciel nell'arcano profondo 



Nel frattempo, alla festa, le due sorellastre continuano a litigare per contendersi il Principe (che è sempre Dandini travestito) e danno sfogo al peggio di sè.

Dandini/Principe svela a Don Magnifico la verità: "Io non sono il Principe, ma il suo scudiero!" E Don Magnifico a momenti sviene! 

Arriva Cenerentola alla festa in tutta la sua bellezza. E il Principe/Dandini si dichiara. A questo punto è lei a voler metterlo alla prova: lascia la festa regalandogli uno "smaniglio" cioè un braccialetto. Dovrà trovare la donna che indossa un braccialetto uguale (lei) e solo allora potrà sposarla...


Il Principe, ripresi i suoi panni, comincia le ricerche... e grazie ad un temporale la sua carrozza si rompe proprio davanti alla casa di Don Magnifico e così può ritrovare Cenerentola, riconoscerla e poi sposarla! Tutti restano sbigottiti perchè lo credevano lo scudiero del Principe e non il Principe in persona!


 Le nozze finali sono una grande festa e Cenerentola perdona anche le sue sorellastre e il patrigno e li accoglie a palazzo: è il trionfo della bontà! Rondò finale



Questo il link per rileggervi tutti gli altri Post dedicati a Cenerentola: 




Nessun commento: