Translate

sabato 13 agosto 2016

PVM al FESTIVAL DINO CIANI

Inaugurazione del Festival
Festival e Accademia Dino Ciani, 10° edizione. Ci siamo, vicino ai fantastici ragazzi dell'Accademia, vicino a Caterina Ciani e alla "nonna" Hedy Ciani, vera anima dell'Accademia internazionale di pianoforte che accoglie giovani pianisti da tutto il mondo... Un'edizione che risente della crisi generale della cultura in Italia, del mancato supporto dell'amministrazione cortinese ormai allo sbando (il Sindaco si è dimesso, la piscina ancora non funziona, crollano storici Hotel di lusso, ma c'è tanta speranza dopo l'assegnazione dei mondiali di sci nel 2021...) e delle differenze di priorità esistenti nello staff del Festival. C'è chi investe di più nel glamour e negli eventi "big", puntando su nomi di richiamo (quest'anno Phelipe Daverio), chi (la parte più musicale e musicofila dello staff) punta più sulla qualità, appunto, musicale della manifestazione e sull'Accademia degli studenti. A queste due facce della stessa medaglia, si aggiunge un terzo lato, non meno importante, che promuove la commistione tra arte, cultura e musica colte con le tradizioni della valle ampezzana (ad inaugurare il Festival anche il Coro Cortina con canti di montagna, ma non solo):

Il Coro Cortina in attesa di esibirsi in Conchiglia
Il tema filo conduttore di quest'anno favorisce la commistione tra cultura e tradizione popolare. Si "viaggia" infatti tra fiabe, leggende, miti... 

La nostra casa si trasforma in un B&B no profit per giovani pianisti e siamo felici di avere avuto con noi la pianista coreana che vive a New York Kyu Yeon Kim, l'americana di origine cinese Hedy Lee (ormai un'amica!) e il Norvegese che vive a Londra Thormod Rønning Kvam.


Un vero piacere sentirli studiare a casa nostra! Una lezione di vita per Antonio e un'iniezione di spernza per me come mamma: non tutta la gioventù si perde nelle feste tra hit estive, zumba, spinelli e alcool... qualche birra se la bevono anche loro, ma sempre poi lucidi a lezione, in concerto, nello studio; ma non solo, amano i bei luoghi, il bion cibo, le diverse culture, oltre a tutta la buona musica, parlano due o tre lingue a testa, sono sorridenti e soddisfatti. W la musica! Peccato che in Italia non lo capisca quasi nessuno.

Qui potete ascoltare Kyu che studia una magnifica gavotta con variazioni di Rameau: https://youtu.be/EByS3wce0k0

I concerti hanno luogo in lussuosi Hotel cortinesi (Miramonti, Ancora, Savoia), nella triste e purtroppo anche orribile sala da concerto del paese, l'Alexander Hall, un buco nell'acqua anche come acustica, al Museo Rimoldi, ove purtroppo anzichè i pezzi unici della collezione sono esposti cartelloni sella Cortina che fu e che in molti rimpiangono.

La sala del Miramonti
La speranza di PVM è che il Festival continui, nonostante tutte le difficoltà, ma soprattutto che continui l'Accademia!

Antonio e il suo amico Alex con i ragazzi dell'Accademia e il Maestro Jeffrey Swann

Nessun commento: