Translate

mercoledì 17 agosto 2016

PVM al Palau de la Musica Catalana

Antonio e Giacomo ascoltano la spiegazione
Non potevamo non andare a visitare questo meraviglioso teatro. 18 euro di visita guidata in inglese per un totale di un'ora circa... ma ne valeva la pena. E anche se Antonio e Giacomo non avranno capito molto, resterà certamente in loro il ricordo di tanta bellezza. 

L'esterno è già molto particolare, a partire dalle finestrelle della biglietteria:


Venne progettato agli inizi del secolo da Lluís Domènech i Montaner (1849-1923). Per l'esattezza tra il 1905 e il 1908. E' esempio di architettura modernista.


La decorazione delle colonne è a mosaico a motivi floreali non casuali: una precisa ricostruzione della flora catalana è infatti il leitmotiv di tutte le decorazioni.L'architetto, infatti, era anche un esperto e appassionato di botanica.

Sito del teatro: http://www.palaumusica.cat/ca/

La sala concerti è rettangolare con disposizione dei posti a sedere semi ellittica ed ha una particolarità unica al mondo: ha un lucernario a goccia ed ampie vetrate laterali che ne permettono l'utilizzo anche in assenza di luce artificiale. I motivi floreali e i colori utilizzati nelle vetrate e negli arredi ne permettono la comparazione con un giardino artificiale, di cui il lucernario rappresenterebbe il sole. Tutta la superficie del soffitto è adornata da rose in ceramica bianca e rosa. 

Organo e lucernario a goccia

Lucernario da sotto

L'interno visto dai posti in galleria
Il palco, sul quale è presente un organo del 1908, è decorato con statue femminili che suonano strumenti musicali: ciò rende vano l'utilizzo di scenografie ed abbellimenti, difatti scarsamente utilizzati durante i concerti.

Le Muse

Antonio nella sala del Palau

Molte sono le sculture che decorano l'interno del teatro: tutte richiamano da un lato la musica colta (Wagner, La Cavalcata delle Valchirie, il busto di Beethoven... ) dall'altro la musica popolare catalana. Ovunque elementi floreali.

Le Valchirie

Beethoven

Musica Popolare Catalana
Davvero interessante, emozionante... magari un giorno riusciremo ad assistere ad un concerto nel teatro! Intanto ci accontentiamo di una foto con Alicia de Larrocha (1923-2009), grandissima pianista catalana: ascoltatela qui in Bach Concerto Italiano: https://youtu.be/iVV0nFJQbgQ 
e qui, giovanissima, Granados: https://youtu.be/DK5z0PSdKi8

Antonio e Giacomo con Alicia

Nessun commento: