Translate

domenica 23 ottobre 2016

PVM a Grazzano Visconti (PC) - "Musica" Medievale

Giacomo e Antonio a Grazzano
A pochi Km da Piacenza sorge un "villaggio" dal fascino molto particolare: Grazzano Visconti, un borgo medievale costruito nel 1900 da Giuseppe Visconti di Modrone, che ricevette in dono i castello quando aveva appena vent'anni, e che fu abitato anche per qualche anno dal noto regista Luchino Visconti. 

entrando nel borgo...
Si tratta della creazione di una città ideale, autonoma in tutto, tendente alla perfezione, che ha nel suo cuore il castello (1395) e il parco. Purtroppo questi ultimi due si possono visitare solo ad orari precisi e seguendo un tour guidato. Noi siamo arrivati a Grazzano sabato mattina e non c'era possibilità di visitare il castello. Ci siamo così accontentati di ammirarlo da fuori e di passeggiare per le vie del borgo in stile neo-medievale, o meglio neo-gotico, una corrente architettonica nata in Gran Bretagna nella II metà del 1800 e nota come Gothic Revival. Niente Disneyworld... come pensano in troppi (anche su Tripadvisor!!), tutto "reale" e per nulla mediocre o falso. L'identità del luopgo è forte e rovinata solo da un eccesso di negozietti un po' troppo turistici. Anche se ve ne sono alcuni davvero artigianali, come la torrefazione dove abbiamo gustato un ottimo caffè  e dei cioccolatini "made in Grazzano".

Per le vie del borgo
Vi sono altri due esempi di villaggi simili: uno a Torino, nel Parco del Valentino, e uno è Crespi d'Adda (ci andremo senz'altro!). Ma anche a Gressoney c'è un esempio di questo stile: la Villa Margherita. 

L'Albergo del Biscione
Abbiamo iniziato il nostro giro dalla Cortevecchia (col caffè) passando davanti all'Albergo del biscione, noto stemma visconteo. 

Torrefazione in Cortevecchia
 In Cortevecchia c'è anche l'interessante esposizione di macchine agricole d'epoca...

Trattori d'epoca
Il Palazzo dell'Istituzione fu sede di scuola di disegno fino al 1989. Molti artigiani si formavano in questo borgo che pullulava di maestri d'artigianato. 

Palazzo dell'Istituzione
Molto bella la chiesetta gotica dedicata alla Madonna delle Grazie:

La Chiesetta
La storia che ci ha affascinato di più, naturalmente, è quella del FANTASMA... eh sì anche qui come a Soragna c'è un fantasma che gira per le vie del borgo:

Aloisa
Si narra che la famiglia Visconti, una volta trasferitasi nel maniero, fosse divenuta il bersaglio dell'attenzione di uno spettro che, nel cuore della notte, sollevava le lenzuola del letto, tirava i piedi e schiaffeggiava i malcapitati... Aloisa, una donna sfortunata in amore che ora è diventata protettrice degli innamorati che ne agghindano la statua con collane e bracciali colorati. Nel borgo di Grazzano ci sono ben 6 statue in suo onore. Guarda questo documentario: https://youtu.be/c1gN4Q-JP-M e questo: https://youtu.be/ZuFHIut5GGA

Anche oggi Aloisa fa i dispetti ai mariti infedeli! Pare che si diverta a mettere fuori uso i loro dispositivi elettronici! Se non vi funziona più la telecamera o il cellulare non prende... beh... avete forse qualcosa da nascondere?

Portici di Via Carla Erba
 Pare che la moglie del Duca, Carla Erba, fosse oltre che bella e intelligente, anche amante dell'arte e soprattutto della musica e quindi non può che starci simpatica. Ecco un po' musica medievale...




La fontana
Il trono
Camminando verso la Chiesa parrocchiale si può vedere un  trono di legno...

Verso la Trattoria
Il nostro giretto si è concluso, come sempre, in una Trattoria casalinga del luogo: "Antica Osteria al Cavaliere Nero" ad Altoè (Podenzano - PC) con il classico Gutturnio bevuto in tazza... salute!

 

Per finire, una meraviglioso concerto di Jordi Savall (musicista spagnolo fondatore di Hesperion, gruppo che hacome fine la riscoperta, la valorizzazione e la diffusione del patrimonio musicale dell'Europa del Mediterraneo dall'antichità al XVIII sec.) in Francia, intitolato Lachrimae Caravaggio, molto adatto come "colonna sonora per un viaggio a Grazzano: https://youtu.be/dJDce7wUwDs

Lachrimae Caravaggio

Nessun commento: