Translate

domenica 2 aprile 2017

PVM a Palmanova, stella del Rinascimento

Giacomo e Antonio in Piazza Grande a Palmanova
Questo, è un viaggio musicale di quelli che ricorderemo tutta la vita. Siamo partiti con la nostra au pair texana Ashley per incontrare in Slovenia i nostri amici musicisti Amos e Nausicaa con i loro genitori, per participare ad un concorso internazionale di musica nella categoria "gruppi con archi e pianoforte (o xilofoni o altri strumenti a tastiera)". Come sempre, abbiamo colto l'occasione per fare un viaggio multiculturale. Prima tappa: Palmanova e ve la racconteremo in questo Post. Seconda tappa: Cormons. Terza tappa: Concorso a Vila Vipolze (Slovenia), vicino a Castel Dobra. Terza tappa: gita a San Martino del Collio. Quarta tappa: Gorizia. Ne abbiamo da raccontare! Cominciamo da Palmanova, la città ideale del Rinascimento. Dopo Sabbioneta, la nostra seconda città fortificata.

Piantina della città
La fortezza di Palmanova è un modello unico nel suo genere. Città a forma di stella a 9 punte a pianta perfettamente simmetrica. Baluardo del rinascimentale concetto di città ideale che il governo veneziano volle a difesa del confine orientale dalle incursioni ottomane e dalle mire espansionistiche dell'Austria. I lavori di costruzione della fortezza ebbero inizio nel 1593 per volontà della Serenissima Repubblica di Venezia. Dichiarata Monumento Nazionale nel 1960. Il progetto è un capolavoro di ingegneria militare.

Porta Aquileia
Alla città si accede attraverso tre porte monumentali, attribuite all'architetto vicentino Vincenzo Scamozzi: Porta Aquileia, Porta Udine, Porta Cividale. Nel 1805 fu occupata dalle truppe di Napoleone che qui stabilì il suo quartier generale. Poi la città passò sotto il dominio Asburgico (1814/1866).


Piazza Grande

Macchinari lignei in Piazza, Museo all'aperto
Interessante l'esposizione, in Piazza Grande, di macchine in legno utilizzate per la costruzione delle fortificazioni.



Piazza Grande. Esagonale. Qui sorgono il Duomo e gli altri Palazzi importanti. E' il cuore della città, antica piazza delle armi. Da essa partono, a raggiera, le vie principali della città. Tre borghi e tre contrade. Al centro si erge lo stendardo, simbolo della città. 

Il Duomo
Il Duomo è in stile baroccheggiante. La facciata in pietra d'Istria (pietra bianca d'Orsera e pietra grigia d'Aurisina). Il timpano reca un leone in bronzo. Il campanile è tozzo perchè non doveva essere visibile dall'esterno della fortezza.

Facciata del Duomo
 Interessante, all'interno, il soffitto di legno di Larice dipinto.

Interno del Duomo
In Piazza, apprezzatissimi gli scacchi e la dama giganti. Abbiamo trascorso almeno un'ora a fare partite sotto uno splendido sole nella tranquilla Palmanova, prima di dirigerci fuori le mura per una meravigliosa passeggiata nella natura che circonda la fortezza.

Partita a scacchi giganti

Partita a dama
La passeggiata è stata bellissima. Incredibile pensare che una città ha al suo esterno un verde paradiso!

L'inizio della camminata seguendo le mura

Piccola sosta

Un ponticello con mille rane!

Giacomo guarda le tartarughe e le anatre
Verso Porta Cividale

Nessun commento: