Translate

mercoledì 5 aprile 2017

PVM a San Martino e Castel Dobra

La panoramica scala a chiocciola di San Martino
Nell'attesa dei risultati, su suggerimento di una gentile signora di Cormòns che gestisce un negozietto di oggetti fatti a mano, ci siamo recati a San Martino, dove, prima di visitare l'antico borgo fortificato, ci siamo avventurati tra i vigneti per raggiungere una spettacolare scala a chiocciola in cima ad un colle, da cui la vista era mozzafiato.

Verso la scala...
Il percorso è stato non privo di avventura... siamo anche passati sotto ad un fil di ferro e abbiamo sbagliato sentiero un paio di volte. M alla fine ce l'abbiamo fatta! 

La vista dall'alto
A seguire... visita all'antico Borgo che si trova al centro di BRDA, il Collio sloveno e con delibera comunale è stato proclamato monumento abitativo di valenza locale. Il poeta Alojz Gradnik, nato a Medana, paragonò il borgo a un nido d'aquila, posto nel posto migliore per vedere il panorama. Gli antichi Romani passarono di qua e lasciarono qualche traccia.

ENJOY il video del nostro viaggio!



Questa la piantina della città: 
piantina del borgo
Il borgo risale al 1500. La pianta è a forma ovale irregolare. Il borgo è dominato dalla chiesa dedicata a San Martino, dove noi ci siamo fermati per un pic nic.

Verso l'ingresso al borgo
Il borgo è sede di una serie di manifestazioni legate al vino e alla frutta, ciliegie, albicocche, prugne.

Antichi camminamenti

Le vie del borgo

Per le vie di San Martino

Una delle due piazze
Nel giorno di San Martino, 11 novembre, il mosto si trasforma in vino. In passato San Martino segnava la fine dei lavori nei campi.

Il campanile della Chiesa
Il campanile della chiesa di San Martino ha merlature alla sua sommità e risale al XIV sec. A San Martino ci sono due piazze in corrispondenza delle due Porte in difesa della città. 

Per le vie di Smartno
Il 24 giugno, giorno di San Giovanni Battista, le donne intrecciano coroncine con i fiori di San Giovanni che hanno colore giallo. La Ghirlanda di Ivan, così è chiamata, si dice sia di buon auspicio e la corona viene appesa alla porta per tener lontani gli spiriti malvagi. La forma circolare della ghirlanda simboleggia l'eternità, il colore giallo la luce del sole. 

Ci siamo poi recati a Castel Dobra, nel luogo dove il giorno prima pensavamo ci fosse la sede del concorso: un antico castello, piccolo ma caratteristico.

Il castello di Castel Dobra
In piazza, comincia un percorso dedicato al poeta sloveno che abbiamo capito essere molto considerato nella regione. Ne abbiamo seguito le tracce e ci siamo incamminati in mezzo alla natura:

I vigneti

Il tramonto

Nessun commento: