Translate

martedì 14 giugno 2016

PVM a Corno Giovine: Pietro Montani non premia

Guido Scanoi con alcuni dei vincitori del Concorso
Chi era Pietro Montani (Corno Giovine 1895 - Milano 1967) Concertista di pianoforte, insegnò al conservatorio di Milano. Compose musiche sinfoniche, da camera, vocali e strumentali, pianistiche. E soprattutto si dedicò alla didattica e all'insegnamento. Il padre aveva iniziato alle discipline musicali i suoi quattro figli: Pasquale, Giuseppe, Oreste e il Montani. Pietro si avvicinò allo studio della musica sotto la guida del padre e del fratello Pasquale. A Milano frequentò il conservatorio nella classe di composizione di V. Frazzi e l’Università locale. Diplomatosi giovanissimo, intraprese subito una brillante carriera concertistica che lo portò a esibirsi nelle principali sale da concerto italiane e straniere. Nel 1920 ottenne la cattedra di pianoforte al conservatorio L. Cherubini di Firenze, dove insegnò per dodici anni tenendo anche corsi di direzione d’orchestra. Nel 1932 divenne docente al conservatorio di Milano, rilevando la cattedra di pianoforte tenuta da G. Frugatta per quasi quarant’anni. La sua esperienza di insegnante nel conservatorio milanese si concluse nel 1965

La chiesa di Corno Giovine (LODI)
Per questo è nato a Corno Giovine da qualche anno un concorso pianistico aperto a giovani studenti di tutte le età, caratterizzato da un clima non competitivo e da un'estrema serietà nell'organizzazione e svolgimento della "gara" che in realtà gara non è, perchè non si percepisce la tensione che caratterizza generalmente i concorsi pianistici. E' più che altro una giornata in cui i tanti ragazzi iscritti hanno la possibilità di suonare liberamente il loro programma (totalmente libero) di fronte ad una giuria composta da Signori musicisti provenienti anche dall'estero (quest'anno dalla Francia). Quest'anno si è tenuto il 12 giugno.


Passeggiando nei dintorni



Aspettando le premiazioni, si cammina nella natura...
Presidente della giuria, il Maestro Guido Scano, che ha anche portato 6 dei suoi allievi (è docente di Pianoforte principale al conservatorio Arrigo Boito di Parma), fatto strano perchè solitamente se il proprio docente è in giuria non si potrebbe partecipare o il docente dovrebbe perlomeno dichiaratamente astenersi dal giudicare i suoi allievi. Per tutti i ragazzi, premi "intelligenti" come borse di studio e concerti premio oltre alla possibilità, per alcuni di loro, possibilità che ci auguriamo vivamente vada in porto, di incidere inedite composizioni pianistiche di Pietro Montani.

PECCATO CHE NESSUNO DI QUESTI PREMI SIA STATO ELARGITO!!!!!!!!!!!

Per PVM, che ama esplorare luoghi anche poco conoscuti, un'occasione per conoscere questo piccolo paese, vicino al Po, in provincia di Lodi, accogliente, tranquillo, cordiale. Almeno questo... perchè i premi non si sono ancora visti dopo più di un anno!!!



Antonio al pianoforte

giovedì 9 giugno 2016

PVM allo spettacolo "VOLARE"


Non si poteva concludere meglio l'anno accademico 2015/16 (anche se a molti studenti mancano ancora gli esami). Un concerto, o meglio uno spettacolo, che ha avuto un successo di pubblico davvero eccezionale. Sala dell'Auditorium del Carmine stracolma di gente e spettatori seduti sui gradini, su sedie aggiunte e in piedi! Sul palco due formazioni corali preparate dal M° Tommaso Ziliani (il Coro del Conservatorio e l'Ensemble corale "Il Labirinto" di Brescia), la Classe di Canto Jazz a indirizzo Popular di Rossana Casale, l'attore Roberto Savoldi, al pianoforte Francesco Melani, al violino Lilian Comuzzo, alla fisarmonica Monica Petrasso, alla chitarra Massimo Felici e al contrabbasso Andrea Grossi. Direttore e "elaboratore musicale", Tommaso Ziliani. 
Il Maestro chiede a inizio spettacolo di non applaudire dopo ogni "canzone" perchè non si tratta di un tradizionale concerto di canzoni pop una dopo l'altra, ma di un discorso continuo, un intreccio di fasi recitative accompagnate dal solo pianoforte e dagli altri strumenti singolarmente o insieme, spezzoni di canzoni, canzoni intere, letture... un viaggio nella canzone d'autore e un repertorio nuovo per molti ragazzi che si impegnano quotidianamente in prevalenza nella musica cosiddetta "classica". E un viaggio nei ricordi del passato per tanta parte del pubblico (quella ahimè meno giovane) che ha vissuto "in diretta" quelle canzoni...

Emozioni, dunque, dritte al cuore, anche grazie all'esecuzione brillante sia dei solisti POP sia delle voci corali sia di tutti gli strumentisti coinvolti, uniti insieme dalla "favola poetica" che aveva la voce del bravissimo Roberto Savoldi.

Un unica osservazione, che può essere un suggerimento per questa nuova apertura del Conservatorio alla musica Pop: i ragazzi che studiano in conservatorio imparano a leggere la musica, imparano le regole che ci sono alla base del fare musica per poi, consapevolmente, prendersi libertà interpretative, rimaneggiare, fare propri brani classici conosciuti, comporre, adattare, arrangiare...  Anche i ragazzi delle classi di musica Pop in Conservatorio  hanno tutti il talento e le qualità per fare lo stesso! Ne sono più che sicura. E voci così, lo meriterebbero!

Introduzione, Volare (Roberto Savoldi)
Domenico Modugno, Vecchio frak (Veronica Stefanini):

Tutti i video del concerto. (Si ringrazia Piermauro Dall'Asta)

1. Bruno Lauzi, Il Poeta (Edda Vezzali e Veronica Stefanini)
2. Bruno Lauzi, Onda su Onda (Roberto Savoldi); Fabrizio De Andre', Il suonatore Jones (Edda Vezzali)
3. Luigi Tenco, Mi sono innamorato di te (Roberto Savoldi, attore; fisarmonica) e Luigi Tenco, Vedrai Vedrai (FiorelloBiacchi) e GIORNALI FEMMINILI (Roberto Savoldi) e
4. Giusi Russo, A'cchiù bella (Edda Vezzali)
5. Giorgio Gaber, Non arrossire (Fiorello Biacchi) e COME E' BELLA LA CITTA' (Roberto Savoldi; violino); PER FARE UN TAVOLO CI VUOLE UN FIORE (Roberto Savoldi); Sergio Endrigo, Era d'estate (Veronica Stefanini)
6. Ivan Graziani, Signora bionda dei ciliegi (Cristina Karim)
7. Lucio Dalla, Prima dammi un bacio (Cristina Karim); LA CANZONE DELL'AMORE PERDUTO
Video 2

8. Rino Gaetano, Sei ottavi (Cristina Karim e Cristina Fontanelli)


9. ESCLUSO IL CANE (Roberto Savoldi; pianoforte) e Piero Ciampi, Io e te Maria (Fiorello Biacchi)


10. Pino Daniele, Arriverà l'Aurora (Cristina Fontanelli)
Fabrizio De Andrè, Bocca di rosa
11. Umberto Bindi, La musica è finita
Finale
Applausi
Applausi 2