Translate

lunedì 30 novembre 2015

Carmen (6) - Animazione polacca (d)

Un'immagine del corto

L'animazione polacca su basi musicali classiche è un'inesauribile fonte di filmati divertenti e originali, a volte poetici e dal sapore antico. Questo breve corto d'animazione firmato da Jacek Adamczak (1955) negli anni Novanta, è una fantasiosa breve storia ispirata alla musica del Torero della Carmen di Bizet. Non ha nulla a che fare con l'opera, a parte la musica. 




Si tratta di due monelli che disturbano un gatto, che poi viene salvato da un topo, che alla fine si immagina torero con il gatto/toro trascinato per la coda; poi disturbano un corvo colpendolo con una fionda, il corvo è amico di un netturbino che li insegue per punirli. Corse per le vie di una città deserta tra panni stesi e bidoni dell'immondizia, piume che svolazzano, fughe e inseguimenti, tutto su fondali musicali fatti di note.


domenica 29 novembre 2015

LEGO CARMEN made in USA

Una scena della Lego Opera
Trovati! Non si riesce mai ad essere i primi in nulla, ma mi fa piacere che qualcuno nel mondo abbia già pensato di usare Lego e altri giochi per bambini per realizzare le più belle opere di sempre in modo simpatico e accattivante per tutti. Rispetto al nostro lavoro, quello che abbiamo fatto per Il Flauto magico con i Lego e per Carmen con i Playmobil (Vedi questi link:Carmen PlaymobilFlauto Magico Lego), questo lavoro ha il pregio di essere un video con movimenti, e con tanto di musica e sottotitoli in inglese. La nostra messinscena era più aderente all'opera di Bizet... diciamo regia tradizionale la nostra e regia moderna questa. Bravissimi! MOLTO RIUSCITA L'AMBIENTAZIONE DEL III ATTO. Belli i cartelli tra un atto e l'altro e le brevi spiegazioni della trama. Che lavoro! Scena per scena! Metteremo sul Blog tutte le opere da loro realizzate man mano che le analizzeremo insieme.

ATTO I


ATTO II


ATTO III

 
ATTO IV

mercoledì 25 novembre 2015

Carmen (5) - Habanera, animazione polacca (c)

Una scena dal cortometraggio
III e ultimo episodio creato dall'artista polacca Alexandra Korejwo, che utilizza una tecnica simile all'animazione con la sabbia. Ho scoperto che in realtà utilizza sali colorati manipolati con piume di Condor! L'approccio iniziale di Aleksandra Korejwo alla sincronia tra musica e immagini animate guarda ai maestri del passato, a quelle sperimentazioni che negli anni Venti portarono alla luce i capolavori immortali di Oskar Fischinger (Rapsodia Ungherese), Walter Ruttmann, Hans Richter e, in particolare, di Viking Eggeling che con la sua Symphonie diagonale aveva cercato di ottenere musica visiva pura, senza accompagnamento sonoro. E anche nel caso dell'artista polacca, infatti, le prime sperimentazioni volte a creare una relazione tra musica, movimento e poesia, avviate durante gli anni di studio presso l'Accademia di Belle Arti di Poznań, furono composizioni "musicali" prive di elementi uditivi: «Invece che dal suono, la musica era evocata dal colore, dal movimento e dalle forme». È solo in seguito che Aleksandra Korejwo inizia a dialogare con i grandi compositori classici, iniziando a realizzare film accompagnati da musica. La tecnica che elegge a strumento per perseguire questo intento è la peculiare animazione in stop motion di sale colorato, un procedimento che richiede grande pazienza e perizia ma che le consente di lavorare "faccia a faccia" con la macchina da presa.

l suo progetto forse più celebre, la trilogia sulla Carmen (1994-1996), s'ispira al balletto di Rodion Shchedrin tratto dall'opera di Bizet. Forse qui, più che in ogni altra precedente realizzazione della Korejwo, emerge la ricerca quasi maniacale della perfetta fluidità e naturalezza del movimento, un aspetto fondamentale nell'opera dell'autrice polacca: per usare le sue parole, «la cosa più importante nell'animazione è sentire il movimento».



martedì 24 novembre 2015

PVM mette in scena Carmen con i PLAYMOBIL

La nostra Carmen con Playmobil
Ormai avrete capito che il creativo della famiglia è Giacomo. "Mamma, facciamo la Carmen con i Playmobil!"... detto fatto. Abbiamo raccolto tutto ciò che avevamo e questa è la nostra storia. Un altro ripasso per entrare in confidenza con questo capolavoro di Georges Bizet, rappresentata per la prima volta a Parigi nel 1875.

ATTO I - una piazza a Siviglia, verso il 1820.

Molte persone in piazza. Micaela (SOPRANO) cerca qualcuno, Don Josè (TENORE), un brigadiere, della cui madre ella si occupa. Sarà lì a momenti, al cambio di guardia. Al cambio della guardia un nutrito gruppo di bambini fa il verso ai soldati marciando e cantando: Asolta: Coro monelli, Carmen

Il Coro dei bambini
Arriva Don Josè. Il tutto si svolge dinanzi ad una fabbrica di tabacchi, controllata dai soldati perchè spesso girano contrabbandieri e banditi. Le operaie della manifattura sono belle ragazze e i soldati sono felici di vederle passare. Soprattutto una desta l'attenzione di tutti: Carmen! Che balla e si presenta con questa "canzone": Habanera

Carmen canta l'Habanera
Carmen prova interesse solo per Don Josè, perchè sembra essere l'unico a lei indifferente. Carmen gli si avvicina e gli getta un fiore:

Carmen getta un fiore a Don Josè
Don Josè resta colpito e inebriato dal profumo del fiore. Micaela gli porta una lettera della madre, che gli suggerisce di sposare Micaela, una brava ragazza. Nel frattempo, Carmen si caccia in un pasticcio. Inizia a litigare violentemente con una compagna di lavoro

Carmen litiga con una compagna



... fino a esagerare, tanto che viene ordinato l'arresto di Carmen, che ferisce la compagna.

La lite giunge all'esagerazione...
Sarà proprio Don Josè ad essere incaricato di legare le mani a Carmen e condurla in prigione.


Don Josè deve legare Carmen

Don Josè con Carmen legata deve condurla in prigione...
Ovviamente Carmen ha le armi per "corrompere" Don Josè e, promettendogli il suo amore, si fa liberare e fugge.

Carmen "corrompe" Don Josè
ATTO II - La taverna di Lillas- Pastia
Si rifugia in un famoso locale di Siviglia, Lillas Pastia, dove si balla fino a notte fonda su musiche gitane. 

Carmen balla nel locale
Carmen apprende che Don Josè, per averla aiutata a fuggire, è stato messo in prigione, ma ora sta per essere rilasciato. Entra nel locale anch Escamillo, il famoso Torero, che si innamora a prima vista di Carmen, che per il momento non pare contraccambiare... alcuni contrabbandieri propongono un buon affare alle donne del locale, ma Carmen si rifiuta di seguirli, perchè vuole aspettare Don Josè, che finalmente arriva...

Don Josè ammira Carmen che balla per lui
Carmen balla per lui. Stanno insieme come due veri innamorati... ma poi si sente lo squillo di una Tromba: è la chiamata all'appello, Don Josè deve andare. Qui Carmen impazzisce! Lo insulta e si arrabbia: tu allora non mi ami davvero, se tu mi amassi mi seguiresti dappertutto... a nulla vale la toccante dichiarazione d'amore di Don Josè: Le fleur. 
Alla fine Don Josè si convince e molla tutto e tutti per segure Carmen, l'amore della sua vita. 

ATTO III - Luogo pittoresco e selvaggio fra le montagne dell'Andalusia

Carmen e Don Josè tra i banditi
I contrabbandieri e le donne stanno aspettando il momento opportuno per far passare le loro merci clandestine. Mentre Don Josè pensa a sua madre e Carmen comincia a stufarsi di lui, così poco "avventuriero". 

Carmen con Don Josè
Le donne fanno le carte e Carmen ha un risultato che non fa ben sperare: quadri, picche: la morte! 

Ma Carmen non se ne preoccupa. Giunge al covo Micaela in cerca di Don Josè, per richiamarlo sulla retta via... ma prima di incontrarlo si deve nascondere perchè giunge Escamillo, il Torero, che non può più stare senza Carmen.

Escamillo arriva al covo di briganti per prendersi Carmen

 Don Josè lo sfida a duello. estrae il coltello...

Il serrato duello tra Don Josè e Escamillo
... è Carmen a salvare Escamillo. Ed Escamillo è felice di essere stato salvato da Carmen e anche Carmen sembra ormai preferire lui a Don Josè.

Carmen salva Don Josè
Escamillo si allontana invitando tutti alla Corrida. Micaela raggiunge Don Josè e gli dà la tragica notizia della malattia della madre. Questo smuove i sentimenti di Don Josè che decide di lasciare il covo e tornare a casa, ma giura a Carmen che tornerà a prenderla. 

Micaela richiama all'ordine Don Josè

 ATTO IV - Una piazza a Siviglia; sul fondo, un'antica Arena.

Tutti sostengono Escamillo alla Corrida... anche Carmen!

Tutti inneggiano e celebrano Escamillo. Anche Carmen è al suo fianco, ma Don Josè arriva per riprendersi colei che ritiene essere la sua donna. Ma Carmen non ne vuole sapere. Tra i due inizia una lite e Carmen afferma la propria volontà di restare libera.

Don Josè, accecato dal pensiero di vivere sapendola di un altro, la trafigge con il pugnale e si consegna alla giustizia.

Don Josè colpisce Carmen

Carmen cade a terra

domenica 22 novembre 2015

Carmen (4) - Libro di lettura per bambini

Copertina del libro
Per raccontare la storia di Carmen, utilizziamo come primo strumento questo bellissimo libro illustrato per ragazzi, edito da Nuages Tre Passi, una raffinatissima casa editrice milanese che abbiamo già incontrato in più di un'occasione:

1. Il Flauto magico
2. La Bohème
3. Tristano e Isotta
4. La Traviata
5. La Cenerentola

Il libro si intitola "Carmen, una piccola storia sull'amore e sulla passione", è scritto e illustrato da Carrollina Fabinger e lo trovate a 16 euro o nelle biblioteche più fornite. 

"Questa è una piccola storia tratta dalla focosa opera "Carmen" di Georges Bizet, noto compositore francese vissuto tra il 1838 e il 1875. L'opera patrla dei temi dell'amore e della passione. La capricciosa e indomabile Carmen incanta un vasto pubblico dai palchi dei più noti teatri d'opera... adesso potete lasciarvi incantare dalle pagine di questo libro..."

Così si legge sul retro di copertina. E io ho letto il libro a Giacomo, che ha poi subito voluto vedere l'opera in DVD.  Presentiamo i personaggi: Carmen, una zingara bellissima, Don Josè un giovane soldato di guardia, Micaela, una ragazza timida e dolce che si prende cura della mamma anziana di Don Josè, e...

... Escamillo, il focoso torero.

La storia è ambientata a Siviglia, in Spagna. Qui c'è una grande manifattura di tabacchi dove lavorano giovani donne che indossano abiti leggeri e colorati. Fabbricano sigari, sigarette, sigarini... merce soggetta al contrabbando. Per questo davanti alla fabbrica stanno numerosi soldati di guardia. E i soldati ammirano la bellezza delle sigaraie...

Un giorno, una bella ragazza di nome Micaela, si avvicina ai soldati di guardia in cerca di Don Josè della cui madre anziana si occupa. Don Josè non è tra quei soldati, ma sta per arrivare perchè la guardia montante sostituirà quella smontante.

Tra le ragazze del tabacchificio si distingue per bellezza e temperamento focoso Carmen.

Canta una canzone: la famosa Habanera. Ecco il testo in italiano e un video tratto da una recente messinscena dell'opera:

"È l'amore un uccello ribelle, che nessuno può addomesticare, ed è invano che lo si chiami se gli va di rifiutare. Nulla vale, minaccia o preghiera; l'uno parla bene, l'altro tace, ed è l'altro che preferisco; non ha detto niente ma mi piace. L'amore è zingaro, non ha mai conosciuto legge; se tu non m'ami, io t'amo; Se t'amo, stai attento a te!... L'uccello che credevi di sorprendere battè le ali e volò via... l'amore è lontano, lo puoi attendere: non lo attendi più ed è là... Intorno a te, in fretta, in fretta, viene, se ne va, poi ritorna... credi di averlo, ti evita; vuoi evitarlo, ti ha. L'amore è zingaro. Non ha mai conosciuto legge; se tu non m'ami, io t'amo; se t'amo, stai attento a te!"

Il nome Habanera trae origine dalla matrice cubana del pezzo. 



Tutti i presenti ammirano Carmen. Ma l'interesse dilei è solo per Don Josè, che pare indifferente. Carmen gli getta addosso un fiore. Immediato l'effetto nel cuore di Don Josè, da quel momento stregato da Carmen.

Giunge Micaela, per dare a Don Josè una lettera di sua mamma.

Improvvisamente si sente un tumulto provenire dalla manifattura di tabacco. È una lite tra Carmen e un'altra ragazza, Manuela. Carmen deve andare in prigione e Don Josè deve legarle le mani ed accompagnarla... chiaramente Carmen saprà trovare il modo di farsi liberare e far perdere la testa a Don Josè.

Prima di scappare, Carmen gli promette di aspettarlo da Lilias Pastia, il più famoso locale di Siviglia.

Ma Carmen mentre lo aspetta si diverte con le amiche e balla e canta canzoni gitane per gli avventori del locale, tra cui banditi e contrabbandieri.

Sembra avere la musica nel sangue!


Lo spettacolo viene interrotto da grida provenienti da fuori. "Escamillo"! Si sente gridare. Arriva il celebre Torero trionfante... Escamillo, bello e coraggioso! Carmen non può resistere.

 Escamilo entra nel locale e racconta a tutti le sue gesta. Appena vede Carmen, anche lui se ne innamora a prima vista.

La compagnia si scioglie e da Pastia restano solo Carmen e le sue amiche. Giungono due temuti contrabbandieri a chiedere aiuto alle ragazze: devono distrarre i soldati mentre loro contrabbandano la merce rubata e poi scappano nel loro rifugiio segreto nelle montagne.

Ma Carmen non vuole partire... aspetta Don Josè... eccolo che arriva!

 ... e i due finalmente si uniscono nell'amore... ma Don Josè viene richiamato da uno squillo di tromba: la ritirata, Don Josè deve presentarsi all'appello. Ecco che Carmen allora lo insulta e lo respinge: ma come? te ne vai da me solo perchè ti richiamano dall'esercito? Che amore è? Se mi ami davvero devi venire via con me e unirti ai contrabbandieri, disertando. E lo convince!
 
 Don Josè scappa tra le montagne con Carmen e gli altri banditi contrabbandieri. 

A poco a poco l'amore di Carmen per Don Josè si affievolisce... Carmen cerca di persuaderlo a tornare a casa da sua madre e anche Micaela arriva a chiamarlo e lo prega di tornare a casa. Ma lui ormai è "stregato" e non riesce a staccarsi da Carmen. La donna una notte legge le carte: Quadri... Picche... La Morte! Un funesto presagio...

Escamillo, stregato a sua volta da Carmen, giunge inaspettatamente al nascondiglio dove si trovano Carmen e Don Josè e sfida Don Josè a duello in nome dell'amore per Carmen. Escamillo viene salvato dall'intervento di Carmen... allora anche lei si è innamorata!

Micaela insiste, chiede a Don Josè di tornare a casa, anche perchè sua madre sta per morire... a questa notizia Don Josè ha un momento di lucidità e decide di seguire Micaela. Ma giura di tornare a riprendersi Carmen. 

Cambia scenario: è in corso una corrida. Escamillo è l'eroe e Carmen sta al suo fianco, forse per la prima volta davvero innamorata.

 Squillano le fanfare che annunciano l'arrivo dei toreadori... ma un'amica avverte Carmen: attenta! Don Josè è qui! E infatti Don Josè è giunto in cerca di Carmen accecato dalla gelosia.

Don Josè incontra Carmen e i due restano soli, fuori dall'arena, uno di fronte all'altra. Don Josè prega Carmen di tornare da lui. Ma Carmen rifiuta: "Tra noi è tutto finito! Perchè curarti di un cuore che non è più tuo? Carmen mai cederà! Libera è nata e libera morrà!"

 Ed ecco che per rabbia e disperazione Don Josè tira fuori il pugnale: "Così la salvezza dell'anima mia io la perderò perchè tu, perchè tu vada, infame, tra le sue braccia, a rider di me! No, per il sangue, non andrai, Carmen, tu mi seguirai!"... e Don Josè uccide Carmen e poi si lascia arrestare. Escamillo arriva troppo tardi e può solo constatare la morte della sua amata Carmen. Così si chiude il sipario...

 

giovedì 19 novembre 2015

Carmen (3): Torero, animazione polacca (b)


Un'immagine del corto
Proseguiamo il nostro viaggio d'esplorazione nella Carmen di Bizet con il II dei tre cortometraggi realizzati con la tecnica della sabbia dalla polacca Aleksandra Korejwo. Questo è dedicato alla figura del Torero, che nella Carmen si chiama Escamillo. Si tratta dell'uomo che fa perdere la testa a Carmen, ma anche a Don Josè, perchè è per causa sua che perde Carmen, diventa geloso e possessivo e "per amore" (insano amore!) la uccide pur di non saperla di un altro. Nel prossimo post racconteremo per intero la trama di Carmen leggendo insieme un bellissimo libro.


martedì 17 novembre 2015

Carmen (2): Tom & Jerry in Carmen, get it!

Un'immagine del cartoon
Proseguiamo il nostro piccolo viggio musicale in territorio francese con questo cartoon della serie Tom&Jerry è uno dei più divertenti a tema musicale fin qui incontrati. Tom rincorre Jerry fino al nuovo Metropolitan dove è in scena Carmen di Georges Bizet. Viene bloccato all'ingresso, e tenta di entrare nascondendosi dietro alla custodia di un contrabbasso... che poi si apre e contiene un violoncello, poi una viola e infine un violino dotato, all'interno, di un nastro registrato di Carmen. Mette formaggio al posto della pece sull'archetto per attirare Jerry e ricomincia a rincorrerlo. Jerry conduce a suon di flauto un esercito di formiche che diventano poi note e Tom, che ha preso il posto del direttore d'orchestra, si ritrova davanti musiche sempre diverse create dalle formiche/note: "American Patrol", "Yankee Doodle", "Dixie", and "There'll Be a Hot Time in the Old Town Tonight"...

Tom entra in teatro...
Carmen finalmente ha inizio e la cantante urla alla vista di Jerry/Torero sul palco nel bel mezzo della sua Habanera. Il tutto si trasforma in una guerra tra Tom e il direttore d'orchestra mentre Jerry tiene assieme lo spettacolo.

Godetevi l'episodio! Lo inserisco con due link perchè capita spesso che questi cartoons spariscano da youtube.


Tom and Jerry Carmen Get It di houstan-org

lunedì 16 novembre 2015

Carmen (1): Carmen Suite, animazione polacca (a)

Un'immagine del Corto
Mi sembra una scelta giusta quella di presentare nel blog l'opera francese più famosa: la Carmen di Georges Bizet. Dedicheremo a quest'opera molti capitoli, la analizzaremo guardando filmati e leggendo libri. Cominciamo da un tris di brevi corti d'animazione polacchi, firmati dall'artistaAleksandra Korejwo negli anni Novanta. Sono realizzati con la tecnica della sabbia che già conosciamo. Il primo è la raffigurazione di una parte di una delle due Carmen Suite, brani orchestrali tratti dall'opera di Bizet dall'amico Ernest Guiraud dopo la scomparsa di Bizet che morì poco dopo aver composto Carmen.


Cominciamo a dare qualche informazione generale sulla Carmen di Bizet. Si tratta di un'Opéra-comique (cioè che prevedeva parti cantate e recitate come il Flauto magico di Mozart che però è un Singspiel) composta nel 1875 da Bizet su libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy, tratto dalla novella omonima di Prosper Mérimée (1845). La prima rappresentazione non ebbe successo. Il tema era troppo forte per un teatro "borghese". 

Quest'opera d'animazione della polacca Korejwo la trovo adatta al momento drammatico che stiamo vivendo dopo i fatti di Parigi perchè, come l'opera di Bizet, è un inno alla libertà, qui rappresentata dalla danza di Carmen e dai cavalli.



domenica 15 novembre 2015

Un cartone musicale per la pace: Peace on Earth (1939) e Good Will to Men (1955)

Canto corale
Due versioni dello stesso cortometraggio animato per sottolineare l'autoannientamento del genere umano che sta mettendo in atto il terrorismo in questa che pare essere ormai la III guerra mondiale. Piccoli Viaggi Musicali non fa politica e nemmeno fa discorsi di circostanza. Sceglie due cartoni animati in cui è presente anche un aspetto musicale, ma che raccontano come l'uomo in sostanza sia la specie più barbara, che non ha saputo comprendere il messaggio di pace contenuto nelle religioni (e nella musica). Per questo nel mondo che appare nei cartoon non ci sono più uomini perchè il genere umano si è autodistrutto. Il ondo è popolato solo da animali. Il primo è del 1939 e si intitola "Peace on Earth" (= pace sulla terra), diretto da Hugh Hermann. 


La sera della Vigilia, due piccoli scoiattoli chiedono al loro nonno cosa siano gli "uomini" nella frase "Pace in terra agli uomini di buona volontà". Il nonno scoiattolo descrive allora ai nipoti gli uomini, raccontando delle infinite guerre da loro intraprese. Esse erano terminate con la morte degli ultimi due uomini sulla Terra, due soldati che si erano sparati a vicenda. Successivamente, gli animali sopravvissuti avevano scoperto una copia della Bibbia tra le rovine di una chiesa. Ispirati dagli insegnamenti del libro, gli animali avevano deciso di ricostruire una società dedicata alla pace e alla nonviolenza (costruendo le case con i caschi dei soldati). Alla fine del racconto, gli scoiattolini stanno dormendo e vengono messi a letto.

Il secondo si intitola "Good will to Men" (= buona volontà agli uomini) ed è del 1955.





venerdì 13 novembre 2015

Storia della Musica: Lezione illustrata

Immagine finale della "lezione"
Oggi ripassiamo velocissimamente la Storia della Musica occidentale in 7 minuti!

"Epoche, stili, notazioni, compositori, strumenti musicali. Il divertente video del disegnatore spagnolo Pablo Ruiz Morales de los Rios racchiude più di due millenni di storia musica. Con un esito grafico finale che gioca con l’ars subtilior" (dal Corriere Musicale). 


Un video divertentissimo!!! E istruttivo. Buona visione.




History of Music / Historia de la Música (Lecciones Ilustradas) from Pablo Morales de los Ríos on Vimeo.