Translate

lunedì 22 settembre 2014

Rapsodia Ungherese n.2 (10) ma non solo... - THE HOFFNUNG MUSIC ACADEMY

Un disegno di Gerard Hoffnung, che era suonatore di Tuba
Consueta pausa cartoonistica divertente prima di affrontare il XII viaggio musicale. Siamo tornati di recente ad esplorare il mondo di Liszt con La Rapsodia Ungherese n. 2. Non era finita... (e vi dico subito che non è finita nemmeno con questo! ce ne saranno altri...) il brano di Liszt compare anche in questo divertentissimo cartone animato inglese che vi propongo; è il primo di 7 divertentissimi cartoni animati ideati dalla ditta inglese Halas and Butchelor nel 1964/65 che piano piano vedremo tutti: noi abbiamo riso talmente tanto che non posso non far ridere anche voi.

In questo episodio, intitolato THE HOFFNUNG MUSIC ACADEMY, gli autori illustrano cosa avviene in un'Accademia musicale piuttosto bizzarra. Il signore che sta al pian terreno, immagino il Portiere, suona la "campanella" d'inizio giornata e carica il metronomo per gli allievi. Si comincia dall'area PIANOFORTE e qui riconoscerete quasi subito la nostra Rapsodia Ungherese n. 2 di Liszt che si conferma tra i brani più gettonati nell'animazione, se non IL brano più gettonato in assoluto, visto che continuo a ritrovarmelo in ogni dove... si prosegue con la musica da camera e il Quintetto di Schubert conosciuto come "La Trota" e i musicisti sono raffigurati come pescatori in un pianoforte trasformato in lago artificiale, come nel disegno di Paperino che allego qui sotto. Gerard Hoffnung (1925-1959) tedesco (ma londinese d'adozione) era un suonatore di Tuba. Non manca la Tuba wagneriana con tanto di Walchiria...

Una divertente copertina di Paperino
Al secondo piano troviamo altri strumenti tra i quali l'ARPA e tutta la serie degli strumenti a fiato, specialmente gli ottoni che sono i più conosciuti dall'illustratore.
Al III piano c'è il dipartimento Sport e Mestieri, in cui si impara l'uso degli strumenti per il calcio e per la direzione del traffico. Al IV piano si passa agli strumenti Militari con Schubert e fucilazione con tromboni di un musicista che ha steccato.
All'ultimo piano, ovviamente, il più vicino al cielo, non può che sserci la Musica Sacra, con Mendelssohn, ma anche accenni dalla Coppelia di Delibes.

Il cartone animato è divertentissimo, molto inglese, ma contiene una serie di gag che ironizzano su alcuni aspetti del mondo della musica che, come sto tentando di dimostrarvi dall'inizio di questo Blog, non è affatto il mondo della noia che tanti pensano che sia.

Il particolare amore di questo autore di disegni animati per gli ottoni, mi consente di introdurre il prossimo argomento del Blog: I concerti per Corno di Mozart, grazie ai quali vedremo altri cartoni animati divertenti, compreso un altro episodio di questa serie inglese.

2 commenti:

Roberta Mori ha detto...

Bellissimo!!

Erica Dalmartello ha detto...

Sì! è piaciuto anche a me... e a breve ne arriveranno molti altri