Translate

mercoledì 4 marzo 2015

LABORATORIO: L'Elisir d'amore alla Scuola Materna

L'arrivo di Dulcamara, disegno di Giacomo (5 anni)
Ho accettato di mettermi in gioco e collaborare con le maestre della Scuola Materna San Giuseppe, Susy, Betta e Anna, per realizzare un laboratorio sull'Elisir d'amore di Gaetano Donizetti. Non avevo mai provato ad avere di fronte 25 bambini dai 3 ai 6 anni da tenere attenti... ma sono felice di averlo fatto e il questo Post vi racconterò come è andata. Ho ripetuto il laboratorio nelle tre classi: Farfalle, Coccinelle e Api. Le foto sono un misto delle tre esperienze. Nel testo, ho inserito i link per ascoltare i brani che ho proposto ai bambini.

Edizione diretta dall'amico M° Evelino Pidò
Piano di lavoro:
1. Narrazione della storia con 3 o 4 ascolti e l'ausilio dei burattini.
2. Compilazione della ricetta dell'Elisir d'amore su una pergamena gigante e realizzazione collettiva del filtro magico. Il filtro magico verrà versato in una bottiglietta vuota da 500 ml che ogni bambino porterà da casa (in realtà si userà del the alla pesca).
3. Ogni bambino riceverà un'etichetta da attaccare alla bottiglia, che potrà personalizzare con disegni.

I miei colorati appunti di lavoro..

Tutti gli strumenti del laboratorio
Bambini pronti per la storia
Io all'opera, con il mio assistente (Giacomo!)


1. Narrazione della storia.

Adina si presenta
ADINA: "Ciao bambini! Come state? Sapete chi sono io?.... Non sono una fata e nemmeno una principessa... sono Adina! Una bella ragazza intelligente! E sapete cosa mi piace fare?"

BAMBINI: "Cantare?"

ADINA: "No!"

BAMBINI: "Ballare?.... Giocare?... Disegnare?".....

ADINA: "No - ooo! Mi piace leggere! Avete un libro da leggere?"

I bambini le portano un libro....

Il libro di Adina
ADINA: "Grazie bambini! Ora leggo tutta questa storia...mmmmm... è una storia d'amore! Parla di una ragazza che si chiama Isotta... bah, che nome! e di un ragazzo che si chiama Tristano... sarà perchè è un tipo triste? Eh sì... tristisssssimo, perchè Isotta non gli vuol dare nemmeno un bacino. E allora sapete cosa succede? Bevono un filtro magico che li fa innamorare!... Ma guarda un po'! E' uguale uguale alla storia che è capitata a me! Volete saperla?? Ve la racconto? Bene! Io vivo in una casetta bellissima in un villaggio di campagna... una specie di fattoria, eccola qui:

La Fattoria di Adina

Come sapete mi piace leggere... e anche divertirmi. C'è un ragazzo buono che è innamorato di me... si chiama Nemorino... ma a me non piace proprio... è brutto, noioso e anche un po' sciocchino... uh eccolo là che arriva, lo vedete? Aspetta aspetta che mi rimetto a leggere, non voglio essere disturbata!"

Nemorino e Adina
NEMORINO: "Quanto è bella, quanto è cara.... più la vedo e più mi pace!! Ascolta la "canzone" di Nemorino... ehi ciao bambini! Sapete chi sono io? Nemorino! E sono buono ma mooolto timido! E stavo cantando questa bella canzone per quella lì! La vedete? Quella bella ragazza lì che legge sempre... sapete come si chiama?

Nemorino bacia le bimbe
Mentre i bambini ascoltano l'Aria di Nemorino, Nemorino fa il giro dei bimbi e dà un bacino a tutte le bimbe. 

BAMBINI: "Adina!"

Nemorino canta...
NEMORINO: "Vi piace questa canzone? La cantate con me? ... "Quanto è bella, quanto è cara! Più la vedo e più mi piace! Eccola lì... Adina! Come è bella! Adinaaaaaa!"

ADINA: "Ci risiamo... Nemorino! Cosa ci fai qui?! Perchè non vai in città da tuo zio?!"

NEMORINO: "Da mio zio? E perchè? Cosa mi interessa di mio zio... Adina.... io.... mmmmm... Adina....."

Tamburo di Belcore
Si sente un rullo di tamburi (suono un tamburo) e una marcia militare.... Ascolta la marcia e l'arrivo di Belcore è Belcore, il Sergente!

I bambini battono con i piedi il ritmo di marcia
BELCORE: "Bambini, bambini ciao a tutti io son Belcore! Il più bello del mondo, il più ricco, il più intelligente, il più tutto!... Vero che sono bello??"

BAMBINI:"Noooo"

BELCORE: "Come no? Guardate come conquisto quella ragazza l'! Chi è??"

BAMBINI: "ADINA!"

BELCORE: "AH sì Adina! Adina cara! prendi questi bei fiorellini! Sono per te! Mi vuoi sposare?"

Il fiore di Belcore
ADINA: "Ma da dove salta fuori questo? Mi vuole sposare? Ma è impazzito?? No no, non mi piaci signorino, vai via!"

BELCORE: "Grrrrr... Per adesso me ne vado, ma poi giuro che tornerò e mi sposerò quella figliuola!"

Intanto Nemorino, cammina sconsolato per il villaggio.....

NEMORINO: "Bambini... sono cos' depresso... Adina mi manda via... ehi! Ma mi è venuta un'idea! E se andassi a comprarmi una bottiglia di quel filtro magico? Come si chiama?"

BAMBINI: "Elisir d'amore!"

NEMORINO: "ah ecco, Elisir d'Amore! Sì, lo venderanno in qualche negozio qui a Parma, no?.... Aspetta, aspetta, cos'è questa confusione e questo rumore laggiù? Andiamo a vedere!"

Arriva Dulcamara con il suo carro pieno di medicamenti portentosi: Arrivo di Dulcamara e Aria

Arriva Dulcamara al villaggio

Dulcamara
DULCAMARA: "Udite, Udite, o bambini! Io sono Dulcamara! Sono un medico enciclopedico e ho delle medicine magiche che guariscono ogni malattia! E le mie medicine non sono cattive come quelle che vi dà il vostro dottore! sono BUONISSIME!! (sono bottigliette di succo di frutta!)... Allora, vediamo un po' avanti! Chi di voi ha la tosse?

Elisir per Varicella, tosse, mal di pancia...
BAMBINI: "IO! Io! Iooooo!"

DULCAMARA: "Tu! Bambolo con i capelli biondi! Come ti chiami?"

BAMBINO: dice il suo nome

DULCAMARA: " Ecco, tieni la mia bottiglietta di filtro magico e bevila tutta in un colpo! E voi fate tutti ooooooohhhhhhhhhh.... così si rafforza la magia!"

BAMBINI: "OOOOOOOHHHHHH"

Ecco i bambini che bevono le medicine (succhi di frutta):




E il bimbo beve il filtro....

DULCAMARA: "Guarito! Vero? Niente più tosse! Evviva Dulcamara! Evviva i suoi Elisir!!!"

La scena si ripete con altri due bimbi per il Mal di pancia e la varicella. Per il mal di pancia Dulcamara fa anche un massaggino...


Dulcamara cura il mal di pancia

 NEMORINO: "Bambini... ma allora quelle medicine lì funzionano?

BAMBINI: "SIIIIIIIII!!"

NEMORINO: "Signor Dottore.... senta..."

DULCAMARA: "Ragazzo mio e tu chi sei? Che brutta faccia! Cosa ti è successo?"

NEMORINO: "Eh, dottore, una cosa terribile... io sono innamorato di una ragazza che non mi guarda neanche! Mi han detto che esiste un filtro magico, che si chiama Elisir d'amore che fa innamorare... lei ce l'ha?"

DULCAMARA: "E per bacco! Certo che ce l'ho! Lo produco io!! Ho io la ricetta magica! Lo vuoi? Però costa un soldo!"

NEMORINO: "Sì, ce l'ho un soldo... eccolo qui"

E nemorino estrae dalla tasca una gigante moneta d'argento.

NEMORINO: "E ora cosa devo fare?"

DULCAMARA: "Accidenti se è tonto.... lo devi bere giovanotto!! Tutto tutto!

NEMORINO: "Oh, bene adesso me lo bevo tutto d'un fiato e poi vado da Adina, faccio finta di non vederla e vediamo se lei si innamora di me!"

Nemorino beve....

Ascolta Nemorino che beve l'Elisir


Partecipazione attiva
Nemorino va vicino ad Adina e fischietta. Lei si indispettisce.

ADINA: "Nemorino?! Nemooooooo!! Ma non mi vedi?"

Nemorino finge indifferenza...

ADINA: "Ma cosa gli è successo?? Prima voleva sposarmi e adesso? Sapete cosa faccio allora? Vado da quello brutto di prima. Belcore!"

NEMORINO: "No! Adina! Sposa me!"

ADINA: "Sì Nemorino, ti sposo"

I due si baciano.

DULCAMARA: "Evviva l'Elisir d'amore!!" Ascolta canzone Elisir



Etichette pronte e libri per bambini
2. Realizzazione collettiva dell'Elisir d'amore con ricetta inventata.
Abbiamo messo una grande ciotola perterra e i bambini si sono divertiti a "creare" il loro Elisir d'amore mescolando gli ingredienti più disparati... dai semi di lino a quelli di finocchio, dai coriandoli all'acqua. Suor Elisabetta ha mescolato per un po' di minuti ... pozione pronta!
Dulcamara controlla la pozione

Mescola, mescola
Tutti insieme intorno al calderone della pozione
Due bimbe mostrano a tutti la pozione


3. Realizzazione dell'etichetta da incollare sulla propria bottiglia di Elisir da portare a casa.

Bimbi impegnati con l'etichetta

Ed ecco alcune etichette:




Le bottiglie di Elisir pronte sugli armadietti da portare a casa (dentro c'è del the alla pesca).



4. Rielaborazione del "laboratorio" da parte delle singole classi con la propria maestra.

1. I bambini hanno fatto un disegno sulla storia appena ascoltata. Eccone alcuni:

Nemorino

Adina

Belcore e Adina

Sabrina (5anni) che legge gli ingredienti e io che mescolo la pozione...

"Noi che prepariamo l'Elisir", Mary (5 anni)

"Nemorino e Adina che si innamorano grazie alla pozione", Kevin (5 anni)

"Adina e Nemorino si amano", Ilaria (4 anni)
Nemorino, adina e il carro di Dulcamara, Giada (4 anni)
Dulcamara e Nemorino, Nina (5 anni)
Adina e Nemorino, Cri (4 anni)
Dulcamara
Adina legge sotto all'albero

Dulcamara, Nemorino, Adina

Nemorino è felice perchè ha bevuto la pozione
Adina e Nemorino

Adina e Nemorino

Adina

Nemorino e Adina, che legge un libro

Nemorino e Adina che legge

Adina va da Nemorino
Adina legge il libro di Tristano e Isotta e Nemorino la spia

Nemorino e Adina si sposano

Adina e Nemorino
Nemorino e Adina

Il Sergente Belcore e i Soldati

Adina che legge, Nemorino, Belcore e Dulcamara

2. I bambini hanno provato a ridrammatizzare la storia con i burattini o recitandola loro stessi, ascoltando la musica di Donizetti:

Adina che legge

Bimbi che ballano con la musica di Donizetti
Bimbi ballano

Le mie impressioni: 
E' stato un lavoro per me molto impegnativo, perchè non avevo mai lavorato in una Scuola Materna. Pur avendo esperienza con bambini (sia perchè ne ho due, sia perchè ho fatto per 10 anni la maestra di sci), non si finisce mai di imparare. Le tre classi hanno parrtecipato in modo attivo, sono stati tutti attenti e mi sembravano divertiti. Grazie al "pensiero magico" che ancora in loro è operante, i bambini hanno gelosamente conservato e portato a casa la loro bottiglia di Elisir d'amore, convinti di innamorarsi subito della mamma (di cui lo sono già!) o dell'amica, o della nonna... La storia narrata in quest'opera è adatta ai bambini, ma comunque è incentrata sulla tematica amorosa che a loro è ancora distante. Per loro "Amore" è per mamma e papà, o per la maestra... ho insistito di più sull'aspetto "magico" e ho tagliato tutta la parte riguardante la cialtroneria di Dulcamara. I bambini non sanno capire cosa sia l'inganno. Per loro l'Elisir è Elisir... in una classe ho detto che era vino e subito qualcuno mi ha chiesto "Perchè?"... e in effetti... "Perchè?" .... i bambini sono naturalmente buoni e non concepiscono la cattiveria, se non quella immediata delle botte. 

Ho scelto pochissimi passaggi da far loro ascoltare, per non rallentare eccessivamente il ritmo della mia narrazione, ma poi ho lasciato il CD alle Maestre da far ascoltare nei momenti di lavoro. I bambini hanno comunque apprezzato la musica di Donizetti, la sua vivacità, il ritmo, la cantabilità, le melodie. 

Il momento di lavoro collettivo alla pozione è stato molto divertente e i bimbi hanno fatto a gara per mescolare e introdurre gli ingredienti.

Impegnativo, ma bellissimo. Complimenti alle maestre che tutti i giorni hanno l'impegno che io ho sperimentato solo per tre ore (e sono tornata a casa abbastanza provata...). L'iniziativa "Maestra per un giorno" che è partita da quest'anno alla Scuola Materna di Giacomo è utilissima per i genitori, per rendersi conto del lavoro delle maestre. Lo penso da sempre: meriterebbero di più. Un ultima considerazione: questi bambini sono meravigliosi... solo noi possiamo "rovinarli". Lasciateli giocare, inseguire i loro sogni, usare la fantasia e regalategli tanta musica, da ascoltare, da cantare, da suonare.

GRAZIE A TUTTI I BAMBINI, ALLE MAESTRE E ALLE SUORE, che con tanto amore aiutano ogni giorno i bambini di questa scuola a credere in qualcosa di bello.

3 commenti:

Mamma di Cico ha detto...

Una bella esperienza e molto ricca di significati... vari!
Trovo che sia sempre bello lavorare con i bambini: te ne rendi conto quando hai a che fare con gli adulti. Non c'è paragone!
Mi viene spontaneo osservare che la tua esperienza dice anche che di musica se ne ascolta troppo poca a scuola e che basta davvero quel "poco" di "elisir" per farla amare.

Erica Dalmartello ha detto...

Esatto. giuste osservazioni. Si pensa che certe musiche siano per loro troppo complesse ma invece, come per tutto (una favola o un quadro per esempio) i livelli di lettura sono molteplici... A perte che i bambini hanno una profondità di sentimenti che noi adulti ci sogniamo ...

Anna Dalmartello ha detto...

CHE BELLO ERICA MA SEI BRAV ISSIMA QUANTI BEI DISEGNI HAI FATTO SCATURIRE DA QUELLE TESTOLINE